Enrico Ianniello presenta” La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin” alla libreria Pacifico il 27

 

 

Il famoso attore di “un passo dal cielo” presenta il suo primo libro che presenterà alla stampa il 27 marzo  alla libreria Pacifico di via Alois di Caserta, alle 18. Di seguito tutte le notizie sul libro.

Marco Pennino

65076_10200332343948555_5473181694966105313_n

CASERTA – Direttamente dalla fiction “Un passo dal cielo”, il noto attore casertano Enrico Ianniello, venerdì 27 marzo,  sarà a Caserta alla libreria Pacifico di via Alois, alle 18, per presentare il suo primo romanzo d’esordio “La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin”, edito dalla Feltrinelli. Alla presentazione parteciperanno, insieme con l’autore, il giornalista Luigi Ferraiuolo e la professoressa Alda Della Selva. Ci saranno poi dei passi scelti del libro letti dal professor Massimo Santoro e dall’attrice Paola Frasca, facendoci immergere nell’atmosfera suggestiva e magica del romanzo. E come chicca i brani saranno sottolineati dalle musiche di Mario Del Treppo e Davide Navelli, del Laboratorio di Teatro classico del Liceo Manzoni di Caserta. Saranno presenti anche molti studenti casertani e gli allievi del laboratorio di teatro classico del Manzoni che rivolgeranno delle domande all’autore.

TRAMA -Sulla caviglia dello stivale Italia, là dove sta l’osso pezzillo, nasce il nostro eroe, Isidoro Sifflotin. Nella casetta di Mattinella, che sta su da trecento anni e “non crollerà mai”, il prodigioso guagliunciello Isidoro affina una dote miracolosa, ricevuta non si sa come da Quirino – il padre strabico, poetico e comunista – e da Stella, la mamma pastaia. Qual è questa dote? La più semplice: Isidoro sa fischiare, e fischia in modo prodigioso. Con il suo inseparabile merlo indiano Alì dagli sbaffi gialli, e l’aiuto di una combriccola stralunata, crea una lingua nuova, con tanto di Fischiabolario, e un messaggio rivoluzionario comincia magicamente a diffondersi. Proprio quando il progetto di un’umanità felice e libera dal bisogno sta per prendere forma, succede qualcosa che mette sottosopra l’esistenza di Isidoro. “Tutto quello che cresce si separa”: con addosso questo insegnamento di mamma Stella, Isidoro, ormai ragazzo, scopre Napoli e si imbatte, senza neanche rendersene davvero conto, in un altro linguaggio prodigioso e muto: quello dell’amore.
Il romanzo che si concentra sull’ “intelligenza del cuore, miracoli dell’immaginazione, gioia dell’invenzione”, sarà capace di conquistare tutti i suoi lettori, perchè Isidoro è un sicuro amico dei buoni lettori. Un appuntamento irrinunciabile. Tutti sono invitati, in particolar modo gli amanti delle buone letture, stupefacenti, e del teatro. Soprattutto sarà l’occasione per reincontrare un casertano doc che ha saputo farsi strada nel mondo.

DUE NOTE SU ENRICO IANNIELLO
Enrico Ianniello (Caserta, 1970) è un attore, regista e traduttore. Ha lavorato a lungo nella compagnia di Toni Servillo. Dal catalano ha tradotto le opere di Pau Miró. Al cinema ha lavorato con Nanni Moretti nel film Habemus Papam, in televisione è il commissario Nappi della serie “Un passo dal cielo” a fianco di Terence Hill. Per Feltrinelli ha pubblicato “La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin” (2015), il suo primo romanzo.