DISCARICA SO.GE.RI. – Un silenzio che fa male

 

 

 

Una battaglia che dura ormai da oltre 20 anni e non abbiamo nessuna intenzione di arrenderci.

Come Associazione Officina Volturno e Informare, vi aggiorniamo che se entro pochi giorni non avremmo risposte concrete, ci stiamo già organizzando per una manifestazione sui luoghi, da concordare anche con le forze dell’ordine.

Esponiamo prima i fatti:

  • Il 06.08.2012 viene inviata al Comune di Castel Volturno (CE) dal responsabile del procedimento della Sogesid S.p.A. , ing. E. Brugiotti, la richiesta di pubblicazione del progetto preliminare della messa in sicurezza di emergenza della discarica So.Ge.Ri.
  • Come associazione proponemmo delle note/osservazioni sul progetto preliminare che furono tutte accolte nel successivo progetto definitivo
  • Nonostante la presenza di un commissario prefettizio al Comune di Castel Volturno, furono necessari numerosi solleciti affinché lo stesso commissario almeno presenziasse alla Conferenza dei Servizi istituita presso la Regione Campania, UOD Autorizzazioni Ambientali e Rifiuti di Caserta. L’approvazione del progetto definitivo avvenne, quindi, con grande ritardo in data 09.12.2013
  • Dopo una serie di adempimenti formali e burocratici e dopo aver ottenuto le risposte da tutti gli enti preposti (la conferenza dei servizi è un atto importante, ma non conclude l’iter necessario per poi preparare e trasmettere i documenti della procedura ad evidenza pubblica) la Sogesid S.p.A. indice in data 14.10.2014 la procedura di gara per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori alla So.Ge.Ri. In questi lavori vi è anche l’indispensabile caratterizzazione, perché, al momento, sappiamo che la So.Ge.Ri. è un ammasso incontrollato di rifiuti, ma non abbiamo evidenze scientifiche sui contenuti.
  • Il termine per la presentazione delle offerte era stato fissato al 29.12.2014
  • Secondi i tempi previsti dalle norme si giunge all’aggiudicazione provvisoria nel corso del 2015, ma dal 01.12.2015 l’ing. Brugiotti è stato rimosso come responsabile del procedimento e dal 01.03.2016 è stato rimosso da Direttore delle bonifiche. L’ing. Brugiotti è stato sostituito dall’ing. B. Ferraro.
  • Circa 3 mesi fa, in maniera informale e telefonica, visto che dal sito internet della Sogesid sono mesi che non avvengono aggiornamenti sulla questione, abbiamo ricevuto informazioni del fatto che non fosse ancora avvenuta l’aggiudicazione definitiva

 

A seguito di sopralluogo eseguito in data 17 giugno 2016 presso l’area esterna della discarica, non risulta ancora alcuna attività di cantiere, pertanto, abbiamo inviato come Officina Volturno a Sogesid S.p.A. un fax e una pec con le seguenti domande:

  • E’ avvenuta l’aggiudicazione definitiva e quando è possibile ipotizzare una data per la consegna delle aree ?
  • Se, invece, l’aggiudicatario provvisorio non avesse tutti i requisiti, perché non si aggiudica al secondo classificato in modo da attivare tutti gli interventi di messa in sicurezza ?

Vi terremo aggiornati, nella speranza di poter partecipare alla conclusione di una vicenda in cui abbiamo da sempre combattuto, praticamente da soli a livello locale, affinché i cittadini di Pescopagano, Bagnara e Destra Volturno avessero almeno delle risposte affidabili e concrete.

 

di Angelo Morlando

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno. Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II. Entra nell'associazione "Officina Volturno" nell'agosto 2013. Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, "Leggi che ti passa". "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"