Quando il diritto e la libertà d’informazione di Bruno Vespa non è condivisibile

Schermata-2016-03-09-alle-12.15.18-700x400

Il padre di Manuel Foffo: “Mio figlio è sempre stato un ragazzo modello”

Valter Foffo, 63 anni, padre di Manuel Foffo, il “ragazzo modello” che insieme all’amico Marco Prato, hanno dapprima torturato e successivamente ucciso , per solo divertimento, un ragazzo di 23 anni , Luca Varani.

Il Sig. Valter Foffo, non ci sta al continuo linciaggio mediatico che nelle ultime ore sta colpendo il figlio e di conseguenza la propria famiglia… Affidandosi così ai microfoni di Bruno Vespa che utilizzando il servizio pubblico, concede una lunga intervista a questo signore, non è la prima volta che Vespa ci sorprende, con scelte che nemmeno voglio comprendere, ma che sicuramente non condivido.

Cosa ha detto, senza mai scomporsi, il signor Foffo su un episodio che ha scosso un intero paese :   “In queste ore sto leggendo insulti e offese indecorose nei confronti della nostra famiglia. Non mi risulta che mio figlio si drogasse da 10 anni. Anzi, mio figlio è sempre stato un ragazzo modello, studioso e sempre disponibile verso gli altri.”

Queste affermazioni mi hanno profondamente indignato, ma ancora di più il contesto generale, di coloro che vogliono dare la maggior parte delle responsabilità all’assunzione della droga e non ad una totale mancanza di rispetto verso gli altri, di poterli usare e comprare come mezzo di divertimento e pazzia.
L’educazione più importante viene dall’esempio è l’esempio col quale questo padre, ha impartito l’educazione a quel bravo ragazzo. Il padre,l’educatore,è più responsabile della droga e non sto difendendo le droghe,sto solo condannando un padre per la responsabilità oggettiva che ha avuto,e,sono persuaso che un giorno questo pover uomo tornerà in se, se ne renderà conto,in quanto al povero ragazzo,non è umano non avendo coscienza, è una minaccia per l’umanità, cosi com’è, mettiamolo li diamogli di che sopravvivere e tentiamo di costruirgli un surrogato di coscienza .. .e, forse,un domani ……

 

 

Nessuno può farsi maestro, siamo essere umani, ma di fronte a casi del genere, che non trovano nessuna giustificazione logica, tranne che nel vizio e nella lussuria, anche il semplice tentativo di un genitore, di tentare una giustificazione, non ritengo che sia un esempio positivo… anzi.

Sintesi di Tommaso Morlando

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.