Core Napulitano- Rubrica alla riscoperta della napoletanità

‘A canzone: Voce ‘e notte

‘E pparole ‘e Edoardo Nicolardi. ‘A museca ‘e Ernesto De Curtis. (1903)

Si ‘sta voce te canta dinto core
chello ca nun te cerco e nun te dico;
tutto turmiento ‘e nu luntano ammore,
tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico…

Si te vène na smania ‘e vulé bene,
na smania ‘e vase córrere p
e vvéne,
nu fuoco che t’abbrucia comm’a che,
vásate a chillo…che te ‘mporta ‘e me?

Si ‘sta voce, che chiagne ‘inta nuttata,
te sceta ‘o sposo, nun avé paura…
Vide ch’è senza nomme ‘a serenata,
dille ca dorme e che se rassicura (…)

Il testo racconta di un uomo che dichiara il proprio sentimento sotto il balcone della donna amata, tuttavia lei è già fidanzata con un altro uomo, il quale dorme proprio al suo fianco. Il contenuto della canzone è prettamente autobiografico, infatti Nicolardi scrisse queste parole quando si era invaghito di Anna Rossi, la quale sebbene ricambiasse quell’ affetto, andò in sposa a Pompeo Corbara, un illustre commerciante settantacinquenne. Così dopo la morte dell’ anziano coniuge, Nicolardi riuscì a conquistare la sua Anna e si sposarono.

Ernesto De Curtis ha musicato anche la più nota “Torna a Surriento”, i cui versi sono del fratello Giambattista. Cugini del padre di Antonio de Curtis, o meglio Totò, i fratelli De Curtis godettero di fama mondiale, e tennero numerosi concerti con Beniamino Gigli nelle due Americhe, a Londra, a Parigi, e molti dei quali per beneficenza. Ernesto da piccolo aiutava il padre nell’arte della decorazione; a otto anni, apprendeva le prime nozioni di musica da Vincenzo Valente, suo vicino di casa al Corso Garibaldi vecchio.

Giambattista, di quindici anni più grande, ereditò dal padre la passione per le arti belle e fu poeta, musicista, pittore e scultore, affrescando i saloni sorrentini dell’Hotel Tramontano.

 

di Fulvio Mele 

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno. Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II. Entra nell'associazione "Officina Volturno" nell'agosto 2013. Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, "Leggi che ti passa". "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"