Coppola:giustiza: «Una giustizia efficiente fattore di competitività»

Cristiana Coppola, vice-presidente nazionale di Confindustria è intervenuta al convegno dell’Aiga, associazione giovani avvocati, tenutosi la scorsa settimana nel Teatro di Corte della Reggia di Caserta. Presenti, tra gli altri, anche il presidente della Commissione Giustizia del Senato,Filippo Berselli, il responsabile giustizia del Pd, Andrea Orlando, il capo della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere,Corrado Lembo e il giudice del tribunale sammaritano Raffaello Magi,il presidente dell’amministrazione provinciale di Caserta, DomenicoZinzi e il vice segretario generale dell’Anm, Silvana Sica. Al centro del dibattito gli atavici problemi della giustizia, con uno sguardo alla recente riforma

Operata dal Governo che tanto sta facendo discutere, creando non poco dissapore nella magistratura, che ha già dichiarato lo stato di agitazione per le prossime settimane. Sulla farraginosità del processo civile è intervenuta proprio Coppola, affermando che «una giustizia efficiente èuno dei più importanti fattori di competitività per un Paese e il suo buonfunzionamen- to dovrebbe rapportarsi con i tempi delle dinamicheeconomiche». Per il presidente dell’Aiga provinciale, l’Avv. AlfonsoQuarto, «occorre aprire un canale di dialogo ed una riflessione con ilmondo della magistratura facendo, autocritica ed abbandonando quelleimpostazioni autoreferenziali per prima da parte degli avvocati». Fabiorusso

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.