Continuano le sceneggiate

imagesContinuano le sceneggiate, specie nei vari talkshow da parte degli esponenti di rilievo del PD  e  PDL, oltre quelli continui dei vari Renzi e Berlusconi, che ridicolmente telefona anche al poco serio ex DC,  Gianfranco Rotondi, durante la sua squallida mini riunione.

Il tesseramento del  PD, grazie specie ai renziani, è crollato del tutto, senza parlare di quello casertano, grazie al renziano Marino, nonché  di Forza Italia, che ancora non è riuscito a farlo partire, così come non si fanno congressi perché ancora si deve rifondare Forza Italia, destinata alle prossime elezioni a perdere la metà dei voti e la metà delle poltrone occupate da affaristi o da incompetenti senza voti, ma grandemente servili.

Alle imminenti Elezioni Regionali Campania, Caldoro, Forza Italia e  Pd  hanno fissato la soglia di sbarramento al 5% per eliminare tutti gli altri partiti o liste, di cui vogliono solo i loro voti per potersi salvare, come potrebbe avvenire per  NCD-UDC, SEL, oltre che per  il Movimento 5 Stelle, presente per la prima volta alla competizione regionale.

Destinati a scomparire IDV, PSI, i socialisti di Caldoro, Fratelli d’Italia, Udeur ed altri piccoli schieramenti o liste, che si stanno appositamente formando, fra cui quello di alcuni ex parlamentari casertani di  An, che nessuno ha più voluto candidare, nemmeno Forza Italia e  FDI,  cui avevano invano promesso quei voti, che non avevano mai avuto.

Da censurare completamente la Regione, Provincia e Comune. Unica speranza per i loro  amministrati è che questi Enti, che creano solo clientelismo e dispersioni economiche siano al più presto sciolti, essendo i cittadini stanchi di Caldoro, di Zinzi e di Del Gaudio, buoni solo a pubblicizzare le loro imprese ed attuare i loro affari personali.

Ci auguriamo che il sindaco di Caserta riesca finalmente a farsi candidare da Forza Italia, anche se il partito in provincia di Caserta non esiste più, tranne che il senatore D’Anna.

Così vedremo chi dei suoi collaboratori, tutti indaffarati in cose personali, lo  appoggerà. Il consiglio comunale non riesce seriamente a riunirsi, i servizi comunali sono scomparsi, sostituiti sempre di più dai disservizi diretti od in appalto, mentre le tasse ed i tributi aumentano.

Intanto, il Tesseramento  M.S.I.-Destra Sociale , anno 2014, continua.