Continua la battaglia per creare una biblioteca nella ex Villa Zagaria a Varcaturo

Continua la battaglia, dopo la consegna di oltre 500 firme, che vede il movimento Polis e Legambiente circolo “Arianova” di Giugliano”

Villa Zagaria, confiscata nel 1995 e restituita al demanio del comune di Giugliano nel 2014

Continua la battaglia, dopo la consegna di oltre 500 firme, che vede il movimento Polis e Legambiente circolo “Arianova” di Giugliano” affiancarsi per creare una biblioteca comunale presso ex villa confiscata alla Camorra in via Madonna del Pantano, a Varcaturo.
Struttura che Legambiente dichiara essenziale, soprattutto ” Sulla fascia costiera della città di giugliano,  non sono presenti spazi   che possono essere dedicati allo studio all’apprendimento all’aggregazione”e per tale motivo il circolo di Giugliano ha lanciato questa sfida: “la creazione di un luogo che non è frequentato solo dagli studenti ma appartiene alla cittadinanza tutta , ed è per tale ragione che noi ci battiamo con forza”oltretutto:Siamo fermamente convinti che tali strutture dovrebbero esistere in ogni quartiere. Ogni grande città, e Giugliano è la terza  più grandi in Campania, dovrebbe dotare i suoi quartieri di una biblioteca; che possa essere anche succursale di quella di Giugliano, in un territorio come quello di Varcaturo all’interno di un polmone verde come quello della ex villa Zagaria confiscata alla Camorra”.
Intanto, dal protocollo delle firme, il raggiungimento dell’obiettivo è ancora lungo,  e richiede una serie di passaggi istituzionali dove sarà fondamentale  ” ribadire la nostra contrarietà” affermano gli esponenti del movimento  Polis”  all’abbattimento della struttura all’ amministrazione comunale e a tutti i consigli della III commissione, poiché verrebbe svilito il concetto di lotta alla criminalità se la stessa struttura non viene riconvertita in luogo di riscatto sociale.E la nostra idea di riconvertire quel luogo di malaffare in luogo di studio sarebbe il messaggio più forte da poter dare all’intera comunità: la cultura come strumento di lotta contro la Camorra.

Di certo parleremo con gli assessori e con tutti coloro che hanno davvero al cuore il bene dei tanti studenti e giovani di Varcaturo, che cercano un luogo di aggregazione d’interessi e cercheremo anche di spostare la discussione della stessa petizione in consiglio comunale il prima possibile”.