“CONCRETO/ASTRATTO”: il nuovo disco di Andrea Grossi

“Riesce a passare dal tango al jazz, dal popolare all’acustico dando vita ad un lavoro esteticamente perfetto il cui unico filo conduttore è la poesia; poesia non intesa come totale astrazione della realtà, bensì come mezzo naif di vivere la vita.”
Jazzitalia – Mario Melillo

Andrea Grossi, classe 1980, è cantautore romagnolo ed insegnante (scuola dell’infanzia). Presenta un repertorio di brani dalle diverse sonorità, che spazia tra atmosfere jazz e latine, passando per la musica popolare e il tango. Nel 2010 presenta la sua opera prima: “ROSSI INTIMI ASCOLTI”.

È finalista in diversi premi nazionali tra cui il Premio Bindi 2010 e vince il premio della critica al PMC 2009. Nel 2014 è sul palco dell’evento organizzato dal MEI “La Nuova Leva Cantautorale degli Anni Dieci”, insieme a The Niro, Zibba, Diodato, Filippo Graziani. Sempre nello stesso anno è finalista al concorso “Coop for Words” all’interno del Festival della Letteratura di Mantova. Nel 2015 è presente tra gli artisti selezionati per esibirsi al Ravenna Jazz e viene invitato dal Club Tenco ad esibirsi sul palco del Teatro del Casinò di Sanremo, in occasione dell’evento dedicato all’eros nella canzone d’autore “Pazze Idee”.

Il 16 ottobre è uscito il suo secondo lavoro (per l’etichetta Spigolo/Brutture Moderne, e distribuito da Audioglobe), dal titolo “CONCRETO/ASTRATTO”: tredici tracce – dodici originali e una cover di Lucio Battisti – per parlare in maniera elegante e mai banale di felicità, amore, comprensione, eros ed immaginazione. Un progetto di musica d’autore che attinge dalla migliore tradizione italiana, spazia dal jazz alla musica popolare e trova la sua più viscerale espressione nel tango.
“CONCRETO/ASTRATTO”
​è disponibile anche sui principali music store digitali.