COMUNE, PERSONALE DISTACCATO

cisasCaserta,  24 Febbraio 2014

I distacchi di personale ad altri Enti, di norma si danno secondo convenzioni e secondo necessità tecnico-organizzative, nel rispetto della vigente legislazione. Assolutamente non vengono dati per politica, come si sta cercando di fare secondo interessati interventi politici, afferma la Segreteria della Confederazione  Cisas.

In relazione alla polemica, da giorni in atto riguardante il numero rilevante di impiegati comunali distaccati da tempo presso altri Enti, alcuni di essi importanti come la Società di Storia Patria,  la Segreteria Provinciale della Confederazione  Cisas – sentita sull’argomento anche la Rappresentanza Sindacale Aziendale Cisas presso il  Comune – ritiene sia opportuno che la città sappia con precisione il numero dei distaccati e gli Enti cui farebbero servizio, senza entrare nel merito delle dichiarazioni giustamente evidenziate dal suo Presidente Zaza, che sono condivisibili.

A tale proposito, la Segreteria della  Cisas  ritiene che l’anomalia di quasi tutti i distacchi, protrattasi senza alcuna necessità e senza alcuna motivazione nel corso degli anni precedenti, debba essere sanata.

È opportuno che l’attuale Amministrazione Comunale, non responsabile dei distacchi avvenuti in passato, provveda con la massima urgenza a riammettere i dipendenti distaccati in servizio presso il Comune.

Il rientro di tutto il personale si rende necessario anche per il dissesto comunale, non essendo possibile che i residenti di Caserta debbano ancora sopportare il costo di distacchi, spesso clientelari e politici.

Considerata l’importanza che la Società Storia Patria di Caserta, è possibile distaccare  ex novo  quel numero di dipendenti strettamente necessario, atteso che per il funzionamento degli Uffici della predetta Società dovrebbero provvedervi anche la Provincia e la Regione, che hanno personale distaccato un po’ dovunque.

A tale proposito, la Segreteria della  Cisas  coglie l’occasione per chiedere a tutti gli Enti che hanno personale distaccato presso altri Enti a farli ritornare nel proprio Ente, salvo poi rivedere le eccessive necessità, sempre nel rispetto della normativa.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.