COMUNE, CONTROLLARE IL PERSONALE IN DISTACCO ESTERNO

casertaCaserta,   Febbraio 2014

In relazione alla polemica, da giorni in atto e riguardante il numero rilevante di impiegati comunali distaccati da tempo presso altri Enti, alcuni di essi importanti come la Società di Storia Patria,  la Segreteria Provinciale della Confederazione  Cisas – sentita sull’argomento anche la Rappresentanza Sindacale Aziendale Cisas presso il  Comune – ritiene sia opportuno che la città sappia con precisione il numero dei distaccati e gli Enti cui farebbero servizio, senza entrare nel merito delle dichiarazioni giustamente evidenziate dal suo Presidente Zaza, che sono condivisibili.

A tale proposito, la Segreteria della  Cisas  ritiene che l’anomalia di quasi tutti i distacchi, protrattasi senza alcuna necessità e senza alcuna motivazione nel corso degli anni precedenti, debba essere sanata.

È opportuno che l’attuale Amministrazione Comunale, non responsabile degli avvenuti distacchi, provveda con la massima urgenza possibile a revocare tutti i distacchi, facendo riprendere il servizio presso il Comune, anche perché gli stessi sappiano da chi effettivamente dipendono e non solo per lo stipendio.

Il rientro di tutto il personale si rende necessario anche per il dissesto comunale, non essendo possibile che i residenti di Caserta debbano ancora sopportare il costo di distacchi, spesso clientelari e politici.

Considerata l’importanza che la Società Storia Patria di Caserta, è possibile distaccare  ex novo  quel numero di dipendenti strettamente necessario, atteso che per il funzionamento degli Uffici della predetta Società dovrebbero provvedervi anche la Provincia e la Regione, che hanno personale distaccato un po’ dovunque.

A tale proposito, la Segreteria della  Cisas  coglie l’occasione per evidenziare a tutti gli Enti interessati, che hanno personale distaccato presso altri Enti, di volerli temporaneamente richiamare in servizio provvedendo successivamente a rinnovarli, se dovuti e se in rispetto alle vigenti norme.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.