Mercoledì 21 dicembre verranno inaugurate le scale “Iolanda Palladino” in Via Forìa

Mercoledì 21 dicembre, ore 12.00 ci sarà la cerimonia di inaugurazione delle scale “Iolanda Palladino“, site in Via Forìa, ad angolo con via M.Tenore (di fronte  il ristorante “‘A Figlia Do Marenaro”).

Iolanda studentessa, vittima dell’odio politico a soli 21 anni, trovandosi accidentalmente alla coda di un corteo di auto che festeggiavano la vittoria dell’elezioni del neosindaco comunista Maurizio Valenzi, fu colpita da una molotov gettata da gruppi di facinorosi fascisti nel giugno del ’75, che si trovavano proprio sulle scale che domani porteranno il suo nome.

L’evento vedrà la partecipazione di:

Francesco Ruotolo, consulente speciale alla memoria e promotore dell’iniziativa;

Ciro Palladino, fratello di Iolanda;

Alessandra Clemente, assessore politiche giovanili comune di Napoli;

Francesco Riccardo, dirigente Istituto storico “G.B. della Porta”;

Ivo Poggioni, presidente della Municipalità 3 Stella San Carlo all’ Arena;

Saranno presenti:

Luigi de Magistris, sindaco di Napoli;

storica Fanfara dei Pompieri di Napoli, simbolo del diritto alla vita.

La cittadinanza è invitata ad intervenire! 

“Niente e nessuno muore invano se non smettiamo di ricordare”

https://scontent-fra3-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/15327303_1264632843593463_2262502479916071274_n.jpg?oh=5bcb15b5660224797b3c72790ee44d5b&oe=58F4C672 (link dell’articolo tratto da Informare magazine di dicembre, numero 164)

 

di Fulvio Mele

 

 

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno. Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II. Entra nell'associazione "Officina Volturno" nell'agosto 2013. Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, "Leggi che ti passa". "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"