Pinetamare, vandali distruggono parco giochi

Pinetamare – Ci sono dei ragazzini che  frequentano anche la nostra associazione, ai quali siamo riusciti a trasmettere delle semplici  regole comportamentali e di civismo. Hanno un campetto di calcio, che grazie alla generosità del  capitano del Napoli Marek Hamsik e all’associazione I love Pinetamare si è riusciti a realizzare, e dove vengono svolti interi tornei tra ragazzini di qualsiasi fascia d’età.

Un’opera meritoria, visto che in passato questi ragazzi erano costretti a giocare per strada con tutti i rischi e pericoli del caso, oltre a creare fastidio agli abitanti del vicinato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inoltre sempre la stessa associazione, è riuscita a recuperare anche un parco pubblico, attrezzandolo e curando il verde, un vero punto d’incontro anche per anziani.

Ma da un periodo di tempo le cose stanno precipitando, non solo c’è uno spaccio in zona e molti vengo a fumare erba, mentre altri vengono ad ubriacarsi, oltre a coppiette che spesso vanno ben oltre il semplice “abbraccio”.

Ma ultimamente è inspiegabile il vandalismo che viene fatto sia al campetto che al parco, ci dicono che non sono della zona, ma è difficile stabilire le responsabilità, i ragazzini mi hanno riferito che hanno anche un filmato, che evidentemente consegneremo alle forze dell’ordine.

Ma sono comportamenti inspiegabili…perchè il campo da gioco è aperto a tutti, i ragazzi si autogestiscono serenamente e tutto avviene in pieno giorno … sotto gli occhi di tutti e nessuno interviene.

Dispiace raccontare queste cose, sicuramente tutto verrà ripristinato come al solito…ma è avvilente e preoccupante questa violenza immotivata che scatena la rabbia distruttiva di questi ragazzi…

Non voglio commentare oltre… aspetto di avere notizie più precise e dettagliate, ma il vandalismo gratuito è evidente.

Tommaso Morlando

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.