Castel Volturno I.U.C. : L’IMPOSTA UNICA COMUNALE

peppe scialla_2I.U.C. : L’IMPOSTA UNICA COMUNALE

L’Assessore Giuseppe Scialla spiega cos’è e le novità in merito

 

Abbiamo incontrato l’Assessore al Bilancio del Comune di Castel Volturno, il Dott. Giuseppe Scialla, riguardo all’approvazione del regolamento I.U.C.

  • Può spiegarci nel dettaglio cos’è la I.U.C.?

“I.U.C. è l’acronimo di Imposta Unica Comunale, è stata istituita con la legge di stabilità per il 2014, e racchiude 3 tributi: IMU, TASI e TARI, che dallo scorso 1°Gennaio costituiscono l’asse portante delle entrate comunali. La I.U.C. si compone dell’imposta municipale propria (IMU) di natura patrimoniale dovuta dal possessore di immobili escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, articolata nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), che finanzia i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.”

 

  • IMU, TASI e TARI: ci parla delle caratteristiche di ognuna delle 3 imposte, e può dirci se c’è qualche novità rispetto al passato?

“L’Imposta Municipale Unica (IMU) è dovuta da chi possiede immobili insistenti sul territorio comunale, ad eccezione, a decorrere dal 1/1/2014, dell’abitazione principale e delle sue pertinenze. La determinazione della base imponibile, le scadenze di versamento e le modalità di pagamento restano invariate rispetto al passato e le aliquote applicabili variano tra il 6 e il 10, 6 per mille. La TASI è la tassa diretta a coprire il costo dei servizi indivisibili forniti dal Comune, quali l’illuminazione, la sicurezza stradale ecc…La modalità di calcolo della base imponibile è identica a quella prevista per l’IMU. Le aliquote vanno dallo 0 al 2,5 per mille. Infine, la TARI è dovuta da chiunque possegga e detenga immobili suscettibili di produrre rifiuti urbani o assimilati. Ciò che vorrei evidenziare sono le caratteristiche salienti della “filosofia impositiva” che abbiamo seguito.”

 

  • Quali sono stati i princìpi che avete seguito?

“L’ottica in base alla quale abbiamo per esempio articolato l’applicazione della TARI, è quella della responsabilità ambientale: il rispetto del principio ‘chi inquina paga’, introdotto nell’ambito dei rifiuti dalle Direttive Comunitarie 2006/12/CE e 2008/98. Abbiamo calibrato l’imposizione della TARI in base all’effettiva capacità di produrre rifiuti. Abbiamo poi adottato una serie di provvedimenti atti a favorire il contribuente, come la possibilità di compensare eventuali crediti tributari con i futuri debiti, cosa non prevista fino ad oggi;  come la riduzione delle sanzioni in seguito al ravvedimento operoso allorquando il contribuente dovesse spontaneamente versare il tributo omesso, e la possibilità di rateizzare, per tutti e 3 i tributi, gli importi dovuti fino a 24 rate così da ottenere al contempo un beneficio per il contribuente e un beneficio per il Comune, che vede accorciarsi i tempi di entrata dei tributi senza andare in crisi di liquidità. Siamo riusciti a contemperare le esigenze del Comune di avere entrate tributarie certe e in tempi ragionevoli e le esigenze dei cittadini di avere un carico tributario commisurato alla propria capacità contributiva. Questo innescherà un circuito virtuoso di progressione nei livelli di fedeltà fiscale che condurrà ad una progressiva riduzione delle aliquote fiscali. Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto.”

 

Valeria Vitale

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.