CASTEL VOLTURNO ELEZIONI : NESSUNA DISCONTINUITÀ’ CON IL PASSATO…IL TERRITORIO E IL SIMBOLO DI F.I. IN MANO AI COSENTINIANI.

emilio-alfano-confapi-napoli-300x241nicola_cosentinoCASTEL VOLTURNO AL MIGLIOR OFFERENTE

Il simbolo di Forza Italia a Castel Volturno è stato concesso in base a una contrattazione nelle alte sfere politiche della Regione, almeno così denunciano gli articoli di Maria Bertone (Cronache di Caserta) del 22 aprile, Massimiliano Ive (Caserta c’è) e Angelo Rispoli (Noi Caserta) del 23 aprile. Nell’articolo della Bertone, Paola Raia di Forza Campania, rivolgendosi ai referenti regionali, dichiara “Vogliamo scegliere i candidati sindaco della coalizione di centrodestra a Castel Volturno e Torre del Greco” […] in cambio “Forza Campania rinuncia a presentare sue liste alle prossime amministrative”. Visti i fatti, è evidente che sia stata accontentata. Dagli articoli di Ive e di Rispoli emerge il disappunto di Daniela Nugnes, vice responsabile regionale di Forza Italia, che critica il metodo con il quale è stato assegnato il simbolo ai cosentiniani. I tre coordinatori provinciali infatti hanno favorito l’attribuzione del simbolo senza sentire la Nugnes e, peggio ancora, senza convocare per un confronto i due candidati a rappresentare Forza Italia a Castel Volturno. Nessuno si è interessato che Emilio Alfano, uno dei due pretendenti al simbolo, è Presidente di Confapi (Confederazione della piccola e media impresa) della Campania, che ha alle sue spalle 40 anni di successi imprenditoriali a livello regionale e nazionale. Nessuno ha tenuto conto che è un Cittadino di Castel Volturno da 53 anni, che conosce bene la realtà territoriale e che potrebbe portare sul territorio tanti imprenditori, investimenti, idee, innovazioni e persone di cultura. Per questo motivo la candidatura a Sindaco di Emilio Alfano è stata richiesta con forza da tutti i componenti della Coalizione. E quali sono le credenziali dell’altro candidato? Nessuno, dei vertici regionali e provinciali, ha tenuto in considerazione che Sergio Luise, ex coordinatore cittadino del PDL, ha fatto politica per Forza Italia da 20 anni. Che l’ex Assessore ai Lavori Pubblici nel 2001, per primo, ha ipotizzato la realizzazione del Porto di Pinetamare in project financing ed è stato il principale artefice, con l’ Amministrazione, dell’Accordo di Programma, attraverso cui è stata riqualificata la Domitiana, abbattute le 8 torri abusive (definite l’ecomostro d’Italia), recintata la pineta comunale, stretti i rapporti con il Calcio Napoli, ecc. ecc.….. Tutto questo non è stato preso nella dovuta considerazione. Le esigenze del territorio di Castel Volturno, come sempre, sono passate in secondo piano. In tal senso la storia della Città di Castel Volturno, vista come la discarica della Campania, è lunga: i terremotati di Napoli del 1980, gli sfollati del bradisismo del 1983; l’ondata incontrollata degli extracomunitari illegali che ha raggiunto numeri impressionanti; le discariche abusive; i Regi Lagni, in cui scaricano oltre 150 Comuni delle province di Caserta, Napoli, Benevento e Avellino, alcuni illegalmente … Per non contare gli avvoltoi, gli speculatori, i giornalisti, gli autori di “best sellers”, i registi che, sulle sventure di Castel Volturno, hanno costruito la propria fortuna, fregandosene delle ripercussioni negative sulla salute, sulla vita, sull’economia del Nostro territorio. Detto ciò, la coalizione che sostiene Emilio Alfano, non nega di essere dispiaciuta per come sono andate le cose, ma non si dispera. Se i rappresentanti dei coordinamenti provinciale e regionale di Forza Italia sono questi, allora conviene prenderne le distanze, nella speranza che il Presidente Berlusconi si renda conto che è arrivato il momento di fare una vera pulizia … Reputiamo infatti che i figliocci politici di Cosentino, Polverino, “polpette” varie e il coordinatore che conta “asso di coppe” sono scaduti da un pezzo e che Forza Italia si debba scrollare da dosso questo pesante fardello. I componenti della Coalizione sono giovani, motivati, preparati, onesti e non hanno paura di niente e di nessuno. Il loro candidato a Sindaco è un grande imprenditore e, soprattutto, è un persona perbene. I candidati daranno tutto il cuore e il loro impegno nella consapevolezza che i Cittadini di Castel Volturno hanno la capacità di valutare con intelligenza e con onestà cosa vogliono per il proprio futuro.

 Sergio Luise

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.