Castel Volturno – Campania – Mondo: un progetto di integrazione etnica, culturale e sociale

Foto 21.2 autore Maestro Giuseppe GramogliaIl 21.2, come ogni anno, è la Giornata Mondiale della Lingua Madre, indetta dall’UNESCO per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo. Il 21.2 è stato scelto per ricordare il 21.2.1952, quando diversi studenti bengalesi dell’Università di Dacca furono uccisi dalle forze di polizia del Pakistan (che allora comprendeva anche il Bangladesh) mentre protestavano per il riconoscimento del bengalese come lingua ufficiale. Le comunità di stranieri in Campania stanno organizzando, per quella data, in uno splendido palazzo storico* nel cuore antico di Napoli, un evento dal titolo significativo. “Differenze linguistiche, etniche e culturali per una società contemporanea e integrata”. L’idea è di far partire tutto idealmente da Castel Volturno, città con il più alto numero di immigrati clandestini al mondo. Dalle 4 del pomeriggio, il polo culturale napoletano riceverà, negli splendidi ambienti dei tre piani tutto il mondo. La diversità dei linguaggi della pittura, delle culture e degli oggetti d’arte, sarà rappresentata attraverso l’esposizione di quadri, monili, sculture e stoffe provenienti da ogni dove. Docenti universitari, scrittori, linguisti, pizzaioli, ci parleranno: dell’esperanto, una lingua ausiliaria internazionale; della filosofia del dialetto napoletano; dell’India e dei suoi mille volti … e altro ancora. Sarà presentato il progetto del museo e del campus universitario internazionale e interculturale di Castel Volturno. “Incontro e scontro fra integrazione etnica e linguistica. Processi di pianificazione urbana e rigenerazione culturale”, questo il titolo della power point. In serata giovani donne italiane indosseranno costumi tradizionali del Ghana, della Nigeria, dell’Estonia, dell’Oman, del Venezuela, del Nicaragua e del Congo. Giovani donne straniere indosseranno dei costumi dell’antica tradizione napoletana. Tutte reciteranno versi di poesie dei paesi rappresentati, in lingua madre. La serata si concluderà con canti e danze tribali dall’Africa, dell’Asia e del Sud America, alternati a canti lirici e tammurriate napoletane. Gli amici delle comunità straniere hanno previsto anche una raccolta fondi. Si pensa di destinare tutto a un presidio mobile – a Castel Volturno – del reparto di malattie infettive del Cotugno. Laura, che si occupa di dialisi, ci spiega che la percentuale di prostitute del Litorale Domitio con la HIV è altissima. Non hanno i mezzi per arrivare a Napoli perché anche l’autobus, per loro, è un mezzo per privilegiati. Queste splendide donne, sfruttate come bestie ma care a Dio, hanno bimbi da allattare e famiglie in Africa da sfamare. Sono tristemente consapevoli che possono trasmettere malattie mortali e gridano aiuto. Dobbiamo aiutarle, se abbiamo un po’ di spirito cristiano. Dobbiamo aiutarle, soprattutto per noi stessi, se non vogliamo essere delle bestie. Laura spiegherà il progetto meglio lunedì, quando tutti si riuniranno per valutare lo sviluppo delle iniziative e dove tutti, parteciperanno alle scelte e alle decisioni. Questo non è un articolo, ma una richiesta di cooperazione. Vi aspettiamo tutte e tutti… a braccia aperte.

 

Arch. Alessandro Ciambrone, Ph.D. Presidente Associazione Albergatori e Ristoratori del Litorale Domitio. Vice Presidente Club UNESCO Caserta. alessandro.ciambrone@gmail.com

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.