Castel Volturno BRUCIA. Balle di materiale ignoto incendiate.

Castel Volturno BRUCIA. Balle di materiale ignoto incendiate.
14021539_10208840615326338_7443859701794684235_n 14064146_10209258176883576_7895385608684416362_n 14067588_1068246279897785_2475154496665316880_n

Ci giungono foto allarmanti di un incendio divampato nella zona della foce dei Regi Lagni, dove da anni sarebbero state depositate queste balle di materiale, che a dire di alcuni, sarebbero serviti per l’impianto di depurazione di Ischia, ma non e dato sapere di chi sia il terreno e chi abbia autorizzato il tutto.

L’incendio è di vaste proporzioni come si vede dalle foto e non credendo nell’autocombustione sicuramente la questione deve essere intenzionata dalle forze dell’ordine.

Sulla nostra pagina FB  https://www.facebook.com/groups/212415615560301/  ci sono tanti interventi di cittadini ed ex amministratori che danno alcune spiegazioni… ma abbiamo dato mandato al nostro avv. Fabio Russo per avere notizie ufficiali e dettagliate affinché interessare le autorità competenti.

Possibile che da anni esistono rifiuti “sconosciuti” e non ci si preoccupa di smaltirli… insomma una situazione anomala che addirittura risalirebbe al periodo che il comune era gestito dal commissario di governo…

Insomma un territorio già in ginocchio per un annus horribilis in merito ai rifiuti e ai roghi e adesso quest’altro disastro su cui occorre fare luce immediatamente e denunciare per disastro ambientale i responsabili.

Tommaso Morlando

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.