Caso Grauso, l’ex presidente dei Giovani Musulmani d’Italia:”L’assessore dovrebbe un minimo studiare la materia”

Il post  su Facebook dell’assessore Adolfo Grauso, ha scatenato non poche polemiche, sia sul piano politico dove alcuni consiglieri hanno chiesto un passo indietro al membro della giunta, sia sul piano religioso.

Le sue dichiarazioni rilasciate alla testata giornalistica “InterNapoli.it” ha scatenato altrettante polemiche, anche dal mondo islamico.

 

Infatti, tramite social, è intervenuto Hareth Amar ex presidente dei Giovani Musulmani d’Italia: “le parole dell’assessore sono prova di grande ignoranza in materia.
Non è musulmano colui che non crede e rispetta Gesù e la Vergine Maria (pace su di Loro).
Alle affermazioni dell’assessore Grauso, sulla mancata costruzione di chiese nei paesi arabi, risponde:”  ho girato tantissimi paesi islamici e le chiese sono sostenute dai governi e spesso i territori sui quali si costruisce sono omaggi da benestanti (musulmani) o dallo stato”

 

L’ex presidente poi continuare dicendo :”l’assessore dovrebbe un minimo studiare la materia e comprendere come l’Islam impone di rispettare la legislazione del posto e come si debbano rispettare le altre confessioni”.

“Chi è che taglia la gola a cristiani?Chi dice queste stupidaggini?
Il ISIS ha uscciso per l’80% musulmani.
In africa centrale i musulmani sono perseguitati, in Myanmar migliaia di vittime repressi dallo stato solo per il culto islamico”Hareth Amar conclude:”In tutti i paesi arabi o islamici ci sono cristiani e vivono in perfetta sintonia”.

About Francesco Cacciapuoti

Nato a Giugliano il 10 gennaio 1995, fin da piccolo ho sempre sentito un forte senso di appartenenza alla mia città e alla mia terra madre. Dopo aver fatto una breve esperienza all’estero, dove ho seguito un corso accelerato di lingua e cultura inglese all’University of Bath nel 2012, sono ritornato con una mentalità civica del tutto differente da quando ero partito. Ho coltivato la mia passione politica nel 2013, iscrivendomi ai Giovani Democratici di Giugliano e dal settembre del 2014 ho fatto parte del direttivo provinciale di Napoli del partito. Inoltre coltivo la mia passione per giornalismo e ho collaborato con TeleClubItalia dal luglio 2013 fino al 2015. Dopo aver reso le mie dimissioni dai GD ho deciso di fondare il Movimento Polis con alcuni miei compagni e intraprendere la strada del sindacato universitario con Unione degli Universitari, ove per ora sono Coordinatore Caserta. Il mio sogno? Dare materia alle speranze degli altri.