Casapesenna, la strada della vergogna è finalmente libera

variante2 vary                                                                                                                            Arriva finalmente la notizia della bonifica della “strada della vergogna”, così denominata per la quantità di rifiuti che giacciono lungo tutta la sua estensione. Si tratta della provinciale che unisce il comune di Casapesenna con quello di San Cipriano D’Aversa, una strada “fuori mano” che per anni è stato facile per le istituzioni dimenticare, abbandonandola al degrado più assoluto dove gli incendi e i fumi velenosi si susseguivano senza interruzione, soprattutto durante il periodo estivo. Da anni la strada versava in condizioni deplorevoli ed era ormai era diventata un’immensa discarica a cielo aperto, un vero e proprio vituperante letto di rifiuti di ogni sorta, tra cui amianto e rifiuti speciali. Come se non bastasse, periodici erano i roghi tossici appiccati lungo quella sezione della variante e che, due giorni su sette, liberavano i loro veleni sui campi di coltivazione circostanti.

Lo scempio ambientale aveva condotto ad una provvisoria chiusura della strada diventata ormai inagibile per la circolazione. Ma intanto sempre più agguerrite si facevano le battaglie intraprese da alcune associazioni come Libera, Fare Ambiente e Legambiente Casapesenna che continuamente fotografavano a denunciavano le fiamme piene di diossina provenienti da quella zona.

Il 3 dicembre, dopo le tante sollecitazioni da parte di comitati e associazioni, finalmente qualcosa si smuove e arrivano le ruspe per sgombrare la provinciale dai rifiuti e cominciare l’opera di bonifica del territorio.

Dopo le numerose interpellanze parlamentari rimaste senza risposta, è da considerare decisivo l’interesse del viceprefetto antiroghi Donato Cafagna che, seguendo questa vicenda da vicino, ha insistito con la provincia sull’urgenza di un intervento immediato e fatto in modo che oggi si arrivasse finalmente all’apertura dei lavori di bonifica” sostiene Pasquale Cirillo di Libera e Lagambiente Casapesenna.

Quindi, la mattina del 3 dicembre, dopo l’annuncio del 18 ottobre da parte della Prefettura di Caserta secondo cui la bonifica dell’area era stata approvata e affidata alla Gisec, la società che si occuperà dei lavori, i cittadini vedono finalmente una risposta alle loro continue denuncie.

Interessati a questa problematica i due sindaci dei comuni direttamente coinvolti, Vincenzo Caterino di San Cipriano D’Aversa e il primo cittadino di Casapesenna Marcello De Rosa che insiste sulla necessità di video sorvegliare l’intero operato che si prospetta essere molto lungo e complesso.

Infine,Donato Cafagna ribadisce l’importanza di questa vittoria per la quale esultano comitati ambientalisti anche di altre realtà: “Abbiamo fatto una scelta,e considerato come priorità la salute dei cittadini”.

 

Filomena Diana

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.