Capogruppo consiliare Pd in Provincia di Caserta Giuseppe Stellato

“Quello dei profughi non può rappresentare un problema che si concentra solo in alcune regioni meridionali”. Sono le parole del Capogruppo consiliare Pd in Provincia di Caserta Giuseppe Stellato in merito alle modalità di accoglienza degli oltre 1000 tunisini presso l’ex caserma ‘Andolfato’.

“La città di Santa Maria Capua Vetere – continua Stellato – già presenta una serie di criticità anche di natura sociale. E’ doveroso quindi chiedersi se siano stati effettuati tutti gli accertamenti necessari sia sotto il profilo igienico che quello amministrativo ma soprattutto se sia stata garantita l’efficienza in termini di sicurezza. La solidarietà è un bene primario dal quale non possiamo sottrarci ma, allo stesso tempo, non è qualcosa che si scarica sui territori senza che ci sia attenzione e costante verifica da parte degli organi competenti. Discutibili restano invece le modalità con le quali il Governo centrale continua a depauperare i nostri territori concentrando la problematica solo su alcune regioni meridionali. L’emergenza dei profughi andrebbe invece condivisa dall’intero territorio nazionale evitando di creare situazioni di impatto sociale in aree specifiche”.

“Il Mezzogiorno e, nello specifico, il territorio di Santa Maria Capua Vetere – conclude il Capogruppo consiliare Pd in Provincia – sono diventati ancora una volta merce di scambio. Inutile parlare di filiera tra Governo centrale ed Istituzioni locali se le ripercussioni devono avere una simile portata. Altrettanto inutile e imbarazzante l’intervento del Ministro Prestigiacomo che, oggi, attacca un proprio alleato di governo. Il Ministro non deve analizzare i problemi ma risolverli e, dopo aver creato rapporti di forza con la Lega Nord per rimanere al potere, farebbe meglio a non sfruttare questi argomenti per una mera campagna elettorale”.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.