CANCELLO ED ARNONE RICORDA PASQUALE PETRELLA MA IN PROVINCIA DI CASERTA STENTA A DECOLLARE IL PROGETTO AIDO ” UNA SCELTA IN COMUNE “.

di ANTONIO DE FALCO

CANCELLO ED ARNONE.

A distanza di 5 mesi dalla morte , la citta’ di  Cancello ed Arnone ricorda Pasquale Petrella , dagli amici chiamato Pascalin Mc O’bru, il giovane  di 24  anni che , nella notte del 28 aprile 2016 , e’ rimasto coinvolto in un tragico incidente tra Sant’Andrea del Pizzone e Cappella Reale . Come si ricordera’ l’auto di Pasqualino era finita in un fossato in via Cappella Reale.

Una vita spezzata che , tuttavia, ha consentito ad altre vite di continuare ad esistere.  In quella drammatica notte di aprile, infatti,  la famiglia di Pasquale Petrella   autorizzo’  la procedura di espianto per la donazione degli organi del giovane  consentendo a Pasquale di rivivere in altre vite  e trasformando il dramma individuale e familiare della morte in un momento di gioia e di vitalita’ della comunita’ cristiana.

Pertanto, proprio per esprimere condivisione e vicinanza alla famiglia di Pasquale Petrella,   venerdi 16 Settembre alle ore 19,30 presso la Villa Comunale, si terrà una manifestazione commemorativa in onore del giovane tragicamente scomparso.
Interverranno:
• il Dott. Vincenzo Schiavone, Primario e Responsabile del Reparto di Rianimazione della clinica “PINETA GRANDE”;
• il Dott. Gennaro Oliviero, Consigliere della Regione Campania, nonché Presidente di Commissione Consiliare;
• il Dott. Pasqualino Emerito, Sindaco del comune di Cancello ed Arnone;
• la dott.ssa Rosamaria Paolella, Assessore alla Cultura e Pari Opportunità del comune di Cancello ed Arnone.

La serata verterà su tre punti:
• Campagna di sensibilizzazione alla donazione di organi.
• Dibattito sulla sicurezza stradale – ricordo di Costantino Palma, Rachele della Corte.
• Commemorazione artistica.

L’evento pone l’attenzione sulla questione della donazione degli organi che attende una effettiva applicazione della normativa.  Sono ancora troppo poche le amministrazioni comunali in provincia di Caserta che a tutt’oggi hanno aderito al progetto UNA SCELTA IN COMUNE proposto dall’Aido Nazionale e operativo in altre province della Regione Compania.  Solo il Comune di Piedimonte Matese ha attivato il servizio di registrazione della volonta’ di donare organi e tessuti  attraverso la carta di identita’.  Per quanto riguarda i Comuni di Aversa, Cellole, Galluccio, Marcianise , Mignano Monte Lungo , i rispettivi Consigli Comunali hanno deliberato l’adesione al progetto. Hanno , invece, manifestato solo l’intenzione di aderire alla iniziativa i Comuni di Arienzo, San Nicola La Strada e Villa Literno. Queste le caratteristiche del progetto UNA SCELTA IN COMUNE .

L’Ufficio Anagrafe del Comune può raccogliere e registrare la dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti.

Sono già diversi i Comuni ad oggi interconnessi con il Sistema Informativo Trapianti: consulta la lista nella sezione dichiarazioni di volontà del SIT.

Questa nuova opportunità di espressione della dichiarazione di volontà offerta ai cittadini è possibile grazie agli interventi normativi di cui all’art. 3, comma 8-bis della Legge 26 febbraio 2010 n. 25 e al successivo art. 43 del Decreto-Legge 21 giugno 2013 n. 69, così come modificato dalla Legge di Conversione 9 agosto 2013 n. 98.

Nelle linee-guida sono riassunte le procedure per attivare il servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio o rinnovo della carta d’identità.

L’Italia è uno dei paesi più all’avanguardia per quanto riguarda il trapianto di organi e tessuti tanto da avere unità specifiche non solo nei vari presidi ospedalieri ma anche per la mobilità degli stessi (si pensi all’unità elicotteri della CRI e le Lamborghini della Polizia di Stato), ma pecca dal punto di vista di donatori attivi. Così l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) ha abbracciato l’iniziativa Aido su scala nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla scelta di donare i propri organi.L’Italia è al 3° posto in Europa per donazione da cadaveri ma ciò non vuol dire che tutti i cadaveri siano idonei al trapianto. A dicembre 2015 erano 9.070 le persone in lista d’attesa per un trapianto d’organi, a maggio si è saliti a 9.315, segno che c’è un importante lavoro da fare.

Questi i dati statistici 2015 della Associazione Italiana Donatori Organi – AIDO.

Attività di prelievo e trapianto in Italia nel 2015

I donatori cadavere effettivi sono stati 1.377, quelli utilizzati 1.166.
Una media di 22,7 per milione di popolazione (pmp) per i donatori effettivi e una media di 19,2 pmp per i donatori utilizzati.
Abitanti in Italia: 61.636.886 (Dati: previsione ISTAT)
La media europea è di 19,6 pmp.

 
Attività di donazione per zone geografiche

Nord: donatori n. 761
Centro: donatori n. 306
Sud e Isole: donatori 199

Attività di Trapianto

Nel 2015 sono stati effettuati 3.319 trapianti
Rene: 1.576
Fegato: 1.067
Cuore: 246
Pancreas: 50
Polmone: 112
Intestino e Multiviscerale: 1

TRAPIANTI DA VIVENTE
Rene: n. 301
Fegato: n. 23

OPPOSIZIONI ALLA DONAZIONE
Abruzzo: 34,0% Basilicata: 55,0% Calabria: 34,2% Campania: 36,8% Emilia Romagna: 27,6% Friuli Venezia Giulia: 24,6% Lazio: 28,6% Liguria: 31,9% Lombardia: 27,9% Marche: 16,7% Molise: 50,0% Piemonte: 32,7,6% Provincia Autonoma di Bolzano: 26,7% Provincia Autonoma di Trento: 20,0% Puglia: 39,8% Sardegna: 33,3% Sicilia: 44,2 % Toscana: 34,5% Umbria: 33,3% Valle d’Aosta: 50,0% Veneto: 17,8%
ITALIA: 30,6%

PAZIENTI IN LISTA DI ATTESA: 9.070
Rene: 6.765
Fegato: 1.072
Cuore: 731
Polmone: 383
Pancreas: 248
Intestino: 20

I TEMPI MEDI DI ATTESA DEI PAZIENTI IN LISTA
Rene: 3,1 anni
Fegato: 2,0 anni
Cuore: 2,8 anni
Polmone: 2,3 anni
Pancreas: 3,2 anni

LA PERCENTUALE DI MORTALITÀ IN LISTA
Rene: 1,6%
Fegato: 5,3%
Cuore: 7,2%
Polmone: 10,1%
Pancreas: 2,8%

DECESSI IN LISTA DI ATTESA: 407
Rene n. 140
Fegato: n. 126
Cuore: n. 76
Polmone: n. 57
Pancreas: n. 9

CENTRI AUTORIZZATI AD EFFETTUARE TRAPIANTI
Rene: 40
Pancreas e cellule pancreatiche: 14
Cuore: 19
Polmone: 11
Fegato: 22
Intestino: 3

 

toniunico@libero.it