Campionato Mondiale per Atleti Sordi 2016.

Ricordate qualche mese fà ho avuto l’onore e il grande piacere di intervistare Daniele Di Guido, ragazzo napoletano di 35 anni, sordomuto dalla nascita, invalido civile al 100%, in attesa di una occupazione lavorativa mai arrivata, che abita e vive con la sua famiglia in una periferia difficile di Napoli, quella di Scampia. La Sport e la palestra sono diventate per Daniele, un riscatto verso la società.

Dall’età di 18 anni è parte integrante della grande famiglia della Federazione Sportiva Sordomuti Italiana con la quale ha ottenuti importantissimi titoli mondiali e internazionali nel suo sport: il Karate. Svariati i titoli italiani e europei conseguti.

Da sei mesi indossa i colori del Gruppo Sportivo Associazione Nazionale Carabinieri, diretta dal Maestro Nicola Capasso.


sordi 1

Sulla scorta della sua ventennale esperienza sportiva e di un freschissimo titoli italiano appena conquistato, ha partecipato con la Nazionale Italiana della Federazione Sport Sordomuti al Campionato Mondiale di Karate per atleti sordi che si è appena concluso a Samsun, nella calda Turchia di questi giorni, manifestazione internazionale ottimamente organizzata e diretta da Francesco Faraone direttore tecnico della International Comite Sport Deaf.

Eccellenti i risultati che sono stati conseguiti da questi nostri straordinari ragazzi.

Una medaglia d’oro, due d’argento e due di bronzo conquistate giovedì 21 luglio u.s., nella prima giornata di gare. Nella disciplina Kumite Medaglia d’Oro per Giuseppe Alibrandi che ha conquistato il titolo di “Campione Mondiale” nella cat. 60 kg., Medaglia d’Argento invece per Pasquale Longobardi nei +84 kg e 3° posto con Medaglia di Bronzo per Daniele Di Guido nei 67 kg e Marco De Luca nella cat. 84 kg., 5° posto per Oronzo Barletta.

Nella disciplina Kata 2° posto e Medaglia d’Argento nella gara a squadre composta da Di Guido, Barletta ed Alibrandi. Nella gara individuale 5° posto per Daniele Di Guido. Intenso anche il programma di venerdì 22 luglio con la disciplina Kumite “Open” e la gara di kumite a squadre. Un argento e un bronzo alla fine di questa seconda giornata di gara. A salire sul 2° gradino del podio, nel Kumite Open, è stato Giuseppe Alibrandi. Nella gara del Kumite squadre gli azzurri hanno ottenuto una splendida Medaglia di Bronzo con il team composto da Longobardi, Barletta, Di Guido, De Marco e dallo stesso Alibrandi. Grazie a questi due podi il medagliere italiano è salito a quota 7 medaglie con l’Italia che si è posizionata al secondo posto subito dopo i padroni di casa della Turchia.

di Antonino Calopresti

calopresti.antonino@libero.it Daniele Di Guido