Buone e serene Feste a tutti…

Un anno che ci ha portato tante soddisfazioni… un gruppo sempre più unito e professionalmente preparato,  a tutti loro va il mio personale ringraziamento.

Saluto e ringrazio qualcuno che è andato via e do il benvenuto ai nuovi che con tanto entusiasmo iniziano il loro percorso di collaborazione che sicuramente sarà positivo.

Un grazie va a tutti i nostri sostenitori e ai tanti volontari che non fanno mai mancare il loro sostegno e in silenzio continuano ad essere fondamentali.

Continuiamo a credere in questo progetto di diffusione della buona informazione   e nella promozione delle “eccellenze” del nostro territorio Campano.

Un augurio a tutte le associazioni operative e senza interesse che rappresentano la vera svolta sociale che quotidianamente viene testimoniata con esempi e azioni positive e che occorre impegnarsi di più per fare RETE.

Alla stampa e ai giornalisti da sempre impegnati in prima linea.

Alla magistratura e alle forze dell’ordine.

A tutte le persone di buona volontà e perbene che nel rispetto dei ruoli diversi che li vedono impegnati lottano per affermare la legalità, la difesa dell’ambiente, dei diritti dei più deboli, del lavoro e che si rendano consapevoli del ruolo e delle responsabilità a cui sono chiamati. Occorre umiltà e buon senso, autorevolezza e coraggio di prendere decisioni anche impopolari purché nell’interesse generale e mai del singolo o peggio delle lobby.

Un grande augurio di serenità e buon lavoro per tutti

La Redazione d’Informare
Tommaso Morlando
Auguri_2

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.