Bordeaux, inaugura la Cité du Vin, un’intera città dedicata al vino

Inaugurata il 1° Giugno 2016 la nuova meta imperdibile per gli appassionati di vino: si tratta della Cité du Vin a Bordeaux (Francia), un’intera città dedicata alla cultura del nettare degli dei. Dopo tre anni di lavori, la struttura progettata dallo studio Xtu (lo stesso che ad Expo aveva firmato il padiglione Francia), apre in grande stile una delle realtà più complete riguardo la cultura del vino: ad essere rappresentati all’interno della Cité du Vin ci saranno 80 importanti territori del pianeta, compresa l’Italia.

Quella che è stata già soprannominata come la “Guggenheim del vino”, celebra il vino in tutte le sfaccettature. Bordeaux con la Citè du Vin si inserisce così tra le mete preferite dell’enoturismo ed eno-business dedicando al vino come patrimonio un sito di ricreazione culturale. Non esiste un altro posto al mondo con un tale approccio alla cultura del vino. All’interno della Cité du Vin si potranno vivere esperienze coinvolgenti e sensoriali con mostre permanenti, temporanee, laboratori, negozi e molto altro ancora.

Accanto al mondo dei parchi a tema e musei, senza sposare tutti elementi tradizionali del vino La Cité è un luogo unico che esprime l’anima del vino in tutte le sue sfaccettature scultoree nel paesaggio del vino, nel cuore di aziende vinicole, mitologico e vino sacro, il vino ispiratore di arte, il vino collegamento tra i popoli, il divertimento e il vino condivisione … La missione de La Citè du Vin è migliorare e trasmettere come molti questo patrimonio culturale universale e vivere ciò che è il vino.

La Cité du Vin è un esempio riuscito di architettura sostenibile: l’enorme struttura, con gli oltre 13 mila metri quadrati in dieci piani e i suoi 55 metri di altezza, utilizzano il 70% di energia autoprodotta. Il rivestimento esterno in vetro serigrafato e alluminio iridescente evoca perfettamente la figura di un decanter suggerita dalla forma della Cité du Vin. A colpire sono i grandi spazi open dell’interno con una grande quantità di luce naturale. A 35 metri di altezza è inoltre collocato un ristorante panoramico che guarda con una vista mozzafiato verso Bordeaux e la Garonna.

di Antonino Calopresti