Banca etica sbarca a Caserta- Uno strumento finanziario innovativo.

Banca Etica è un strumento finanziario a servizio del cambiamento, finanziario e sociale che sia, da circa diciassette anni e che opera, quindi, secondo criteri etici.

Banca etica a Caserta
Banca etica a Caserta

Lavora a Caserta fin dalla sua nascita, è presente in Provincia con associazioni con cui sono state avviate collaborazioni (ad esempio, Le Piazze Del Sapere) ed enti che hanno affidato risparmi, cercando sempre di prestare a questo nostro territorio più di quanto raccolga, per riuscire a rispondere a tutte le esigenze.

Essendo originariamente legati a Napoli, il rapporto stretto desiderato è stato difficile da intrattenere, ma solo fino all’arrivo del banchiere ambulante, che si spera sia fattore di avvicinamento ulteriore alla banca.

La presentazione ufficiale di banca Etica a Caserta è avvenuta l’8 aprile, presso l’area riservata alla cultura e agli incontri formativi del ristorante “Il Cortile” di Caserta, e ha visto la partecipazione di Pasquale Iorio, presidente dell’associazione “Le Piazze Del Sapere” – grazie alla quale è stata possibile la presentazione – e la partecipazione di una delle figure di spicco delle ACLI di Caserta, ossia Michele Zannini, in quanto rappresentativo dell’associazione socio fondatrice della Banca.

L’evento ha toccato diverse fasi, ed è stato aperto da Giuseppe Sottile, direttore della Banca Popolare Etica di Napoli, che ha introdotto la figura principale di quella giornata, ossia quella del banchiere ambulante, che ha permesso una presenza futura più marcata alla Banca nella zona di Caserta e dintorni.

“Il banchiere ambulante” dice Giuseppe Sottile, riferendosi a Luigi Saccenti, Referente Soci Area Sud, “Non è altro che un promotore finanziario che gira per i territori, apre conti in giro. C’è differenza con le banche basiche: i promotori vengono spinti a vendere determinati prodotti per guadagnare, mentre Banca Etica mette in condizione di dire di no – cosa fondamentale per lavora in banca – a persone e cooperative che non convincono, senza perdere il piatto a tavola.

“Io sono arrivato a banca etica tramite un percorso lungo” aggiunge Luigi Saccenti, “Ho conosciuto Banca Etica in via teorica, oggi molto attiva eticamente: ogni volta che si fa un affidamento, un socio volontario va nelle cooperative che chiedono l’affidamento e viene sottoposto a diverse domande, che rientrano poi nel merito creditizio”.

Banca Etica è una banca a che investe in settori di ambiente e cooperazione, di economie reali, che fa essere indignati da altri tipi.

Caterina Piantieri
c.piantieri@informareonline.com 

 

About Caterina Piantieri

Nata il 14/04/1995 a Maddaloni (CE). Laureanda presso la Seconda Università degli Studi di Napoli in Lettere Moderne. Le piace la musica, tanto da aver imparato a suonare la chitarra da autodidatta e compone testi. Conoscere e cominciare a scrivere per Informare, oltre ad essere qualcosa di più concreto dal punto di vista “sociale”, é stato inaspettato e completante, perché mi ha permesso di capire ancora qualcosa in più sul mio conto e, decisamente, ciò che voglio dalla mia vita. Non posso, quindi, fare a meno di dire: tutto questo – l’essere parte di una squadra, la possibilità di collegarsi alle persone tramite la cosa che mi piace di più e quella di conoscerne sempre di nuove – è quello che voglio fare. Decisamente, quello per cui vivo.