Assessore Clemente su bando Galleria Principe

galleria-principe

“Con l’avviso Avviso pubblico di selezione per l’assegnazione in concessione d’uso a titolo oneroso di locali di proprietà del Comune di Napoli in Piazza Museo Nazionale e nella Galleria Principe di Napoli si compie un passo importante per attuare il progetto Common Gallery #luogocomune, approvato e fatto proprio con la Delibera di Giunta n. 994 dell’11/12/2013. 
 
Il progetto “Common Gallery #luogocomune” dell’Assessorato ai Giovani, Creatività ed Innovazione costruito con la partecipazione e l’adesione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici per Napoli e Provincia, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Accademia delle Belle Arti, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, del Conservatorio di Musica di San Pietro a Majella e dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, nasce per dare vita al primo polo culturale dei giovani della città di Napoli, la città più giovane d’Europa – spiega l’assessore Alessandra Clemente – e per dare un’anima alla storica Galleria Prince Umberto, l’anima dei giovani e della cultura’’
 
Vogliamo valorizzare la Galleria Principe di Napoli e i suoi locali – aggiunge ancora Alessandra Clemente – spazio meraviglioso, incredibilmente vicino a quei luoghi che da anni costituiscono un polo formativo per centinaia di artisti.
 
Obiettivo su lungo termine – conclude l’assessore ai Giovani – è quello di rendere la Galleria ed i suoi locali centri per le arti, l’artigianato, l’intrattenimento, il coworking, la cultura, la creatività, artistica ed intellettuale dando vita a uno spazio dove i percorsi creativi, intellettuali e culturali napoletani, trovino orientamento e propulsione. Vogliamo che l’anima di quel luogo sia la creatività giovane, in un forum permanente di energie professionali, commerciali e produttive che prendano stimoli e forza dal Conservatorio, dall’Accademia di Belle Arti, dalla Facoltà di Architettura, dal Museo Archeologico, che di fronte alla Galleria ogni giorno accoglie migliaia di turisti”