Ali spezzate, il nuovo libro di Paolo Miggiano

 

Ali spezzate è il titolo del nuovo libro dello scrittore e giornalista Paolo Miggiano, presentato all’interno del Palazzo delle Arti di Napoli il giorno del 27 marzo. Edito da Crispino Di Girolamo Editore, per la collana Linea di difesa, diretta dallo stesso Miggiano, questo libro non si presenta come l’ennesimo “saggio sulla camorra” ma propone una struttura diversa che, incentrandosi sulla ingiusta e crudele morte di una bambina vittima di un agguato di camorra a Forcella, non risparmia un’ analisi approfondita delle più recondite dinamiche che regolano il male affare dei quartieri del mezzogiorno italiano. A fare da supervisione alla vasta mole di materiale narrativo è una lucidissima consapevolezza storica-antropologica della camorra di quegli anni, consapevolezza che assume un valore aggiunto proprio grazie all’audace prefazione al libro da parte del giornalista e storico Gigi di Fiore.

Le ali spezzate sono quelle della quattordicenne Annalisa Durante che, ” per sbaglio”, venne colpita a morte mentre, nel quartiere in cui abitava con la sua famiglia, era in corso una sparatoria tra i clan. Quei proiettili spezzarono le ali di Annalisa, così come ancora oggi spezzano quelle di un paese, quale Forcella, che ancora non riesce a liberarsi dalla presenza della criminalità organizzata. L’analisi di Miggiano non vuole però soffermarsi su questo e diventa molto più che un compianto alla memoria delle vittime della camorra perché  vuole innanzi tutto porsi come atto di denuncia, oltre che ad essere un libro carico di speranza.

I protagonisti della vicenda, che verte intorno alla  tragica storia di Annalisa, sono tantissimi: gente che, colpita dalla mafia, ha deciso di cambiare vita e sottrarsi a quella condizione marginale a cui spesso le intimidazioni costringono. E’ il caso del padre della piccola Giannino Durante che, dopo aver perso la figlia, intraprende una serie di iniziative mosse a promuovere la denuncia dell’illegalità e della violenza.

Presenti alla presentazione personalità importanti come il giornalista Dario Del Porto; il magistrato Giuseppe Narducci; Giuseppe Perna (Presidente Associazione Annalisa Durante). A moderare, Geppino Fiorenza, presidente comitato scientifico Fondazione Pol.i.s.

E’ un libro su cui hanno voluto scrivere molte personalità che mi onorano, come il ministro della giustizia Andrea Olrlando, Paolo Siani e Alfredo Avella” dichiara lo scrittore.

 

Filomena Diana

 

 

About martina giugliano

Nata il 05/02/1991 a Napoli. Laureanda presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II in Lettere Moderne. Addetto Stampa dell’Associazione “Social Evo“. Speaker radiofonica, tutti i venerdì curo la rubrica free time sulle frequenze di Radio Amore.