Al via la quinta stagione del Club 33 Giri con la musica di Giglio

Evento con ospite all’insegna della cultura e soprattutto della musica, organizzato nel mese di ottobre da una delle più apprezzate associazioni culturali di Santa Maria Capua Vetere che celebra così la sua ripresa di attività. 

 L’Associazione Culturale no profit Club 33 Giri dà il via alla sua quinta stagione di attività. Appuntamento previsto per sabato 1 ottobre 2016, a partire dalle ore 21.30, presso la sede in via R. Perla (Central Park, Angolo via Jan Palach) a Santa Maria Capua Vetere (Ce). Una festa fatta di musica e divertimento, a ingresso gratuito, che vedrà salire sul palco il cantautore Giglio. L’artista proporrà al pubblico i brani contenuti nel suo esordio solista “Mamma Quartieri”. Nel corso della serata verranno presentate le attività della prossima stagione associativa. Ancora una volta il Club 33 Giri intende confermare la sua vocazione ad essere spazio di aggregazione e visibilità per progetti artistici inediti, per la promozione dell’arte a trecentosessanta gradi.

Ospite della festa di riapertura stagionale sarà Giglio, già frontman della band campana The Gentlemen’s Agreement, con la quale ha viaggiato moltissimo suonando in tutta Europa, ha da poco pubblicato il suo primo album da solista, dal titolo “Mamma Quartieri”. Il disco è stato registrato nei mesi di novembre/dicembre 2015 all’Apogeo Records, all’interno della Basilica di San Severo a Capodimonte [Rione Sanità] tra le cui panche e navate il signor Totò fece il chirichetto. Tutto il disco è stato registrato in presa diretta sfruttando l’acustica eterea del luogo. Teatro, commedia dell’arte, cinema. Sceneggiata e reportage, tenerezza e umorismo, convivono e si manifestano spudorati nelle 9 canzoni composte dal musicista e autore napoletano. Giglio debutta raccontando personaggi perduti, sedotti dall’ozio. Figli strampalati, pazzi inafferrabili, zingari, carcerati, vergini, mariuoli, mamme addolorate. In lingua napoletana, illumina con grazia le biografie spietate e fittizie di femmine e maschi. La sua credibilità è nel canto, nella fisicità compositiva, nella faccia. Con i suoi occhi, le sue passeggiate, la sua bicicletta, indaga misteriose avventure solitarie di una Napoli invisibile e plateale. Un live, quello di Giglio, unico nel suo genere, che speriamo possa incantare ed emozionare.

Alessia Giocondo