Al Duel Village: ‘Lunchbox’, il film indiano dell’anno Una gradevole commedia sentimentale in salsa orientale

LunchboxMartedi 1 aprile alle ore 18 e alle ore 21 in via Borsellino a Caserta

 

Il Cineforum del martedì questa settimana si tinge di rosa con ‘Lunchbox’, una gradevole commedia sentimentale presentata al Toronto Film Festival e vincitrice del Premio del Pubblico alla Settimana della Critica del Festival di Cannes. L’appuntamento è per il primo aprile alle ore 18 e alle ore 21 al Duel Village di Caserta. Film indiano dell’anno, Lunchbox, è l’opera prima della regista Ritesh Batra e racconta una storia d’amore ‘epistolare’ nella Mumbai di oggi. Nonostante il tono leggero e le gag dei protagonisti, il registro è austero e rigoroso. C’è poco qui del sentimentalismo e della ingenuità della Bollywood dei grandi incassi forse anche perché la sceneggiatura del film è in parte un prodotto del Torino Film Lab. L’evento, promosso da Duel Village e Caserta Film Lab, si aprirà con un intervento del direttore artistico, Francesco Massarelli, che introdurrà il pubblico alla visione della pellicola.

 

LA TRAMA

Lunchbox, racconta di Ila, una casalinga appassionata di cucina che spera, con le sue ricette saporite e speziate, di ridare un po’ di vitalità al suo matrimonio. E di Saajan, un modesto impiegato a pochi mesi dalla pensione, che si vede recapitare sulla sua scrivania, inaspettatamente, tutte le mattine, il lunchbox che Ila amorevolmente prepara ogni mattina per il marito. Ila non sa che il suo lunchbox è finito sulla scrivania sbagliata! Insospettita dalla mancanza di reazione del marito ai suoi manicaretti, infila nel porta-pranzo un biglietto, nella speranza di risolvere il mistero. Sarà solo l’inizio di un lungo scambio di messaggi tra Ila e Saajan…

 

IL TRAILER

http://www.youtube.com/watch?v=4TrdhSif3Jg

 

 

 

Prevendite già attive al Duel Village

 

 

Per informazioni e contatti

339/3167253

uff.stampaduel@libero.it

www.duelvillage.net

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.