A Pompei l’Italian Movie Award

Italian Movie Award: Luca Abete Laura Chiatti Paolo Chiariello

La partnership di Sky Arte HD questanno è stato un premio all’impegno che da nove anni Carlo Fumo, giovane presidente dell’Italian Movie Award, festival cinematografico di respiro internazionale, profonde a piene mani nella missione di far conoscere la nobile settima arte del cinema. Dal 10 al 17 settembre, nell’Arena del Centro Commerciale La Cartiera di Pompei, oltre 180 mila persone hanno potuto assistere alla proiezione di film, mostre, documentari, dibattiti e anche polemiche tra attori, registi, produttori, giornalisti sul futuro del cinema in Italia. A moderare sul palco dibattiti e a provocare gli ospiti, non solo Fumo, come padrone di casa, ma anche Luca Abete, irriverente e fustigatore inviato di Striscia la notizia.

È un record di partecipazione popolare in nove anni ad una kermesse di cui, colpevolmente, non vi è traccia sui grandi quotidiani nazionali e regionali e manco in tv. Italian Movie Award, gemellato con due festival del cinema italiano, uno a Washington e uno a Mosca, non percepisce un solo centesimo di euro da istituzioni pubbliche. Tutto quello che fa è autofinanziato. È frutto della ricerca di fonti di finanziamento autonome che non pesano sui contribuenti. Non è così per altri festival, alcuni veri e propri carrozzoni, che vivono di contributi pubblici. All’Italian Movie Award si discute di cinema, una industria che un tempo navigava a gonfie vele, faceva fatturati importanti al botteghino, creava migliaia di posti di lavoro, produceva una immagine del Belpaese esportata in tutto il mondo con location che oggi sono attrazioni turistiche rilevanti anche solo per essere state viste in una scena di un film di successo o una fiction tv o un serial. Un tempo si diceva che il cinema italiano era il nostro ministero degli Esteri.

Non c’è regista al mondo che non abbia tratto ispirazione dal neorealismo italiano, abbia attinto a piene mani da professionalità italiche in ogni campo del cinema, non necessariamente attoriale: registi, attori, costumisti, sceneggiatori, fotografi, troupe, attrezzisti, stunt-men, maghi della videografica, autori di colonne sonore memorabili di film pluripremiati agli Oscar di Los Angel come Piovani, Rota o l’immenso Morricone. Il cinema è un mondo e racchiude tutto il mondo. All’Italian Movie Award ogni anno si punta su un tema, e quest’anno è toccato alle radici, in inglese “roots”. Non c’è Paese al mondo come l’Italia che possa vantare tradizioni storiche millenarie, radicate identità culturali, incredibili radici socio/culturali che si perdono nell’antichità dei tempi. Parlare di radici e di identità a Pompei, città magica, museo diffuso alla luce del sole, sito culturale e museale tra i più belli e visitati al mondo, fa dell’Italian Movie Award un unicum da questo punto di vista. Anche perché Pompei è al centro di quella terra meravigliosa e fertile che gli antichi romani chiamavamo Campania Felix e che le organizzazioni criminali hanno provato e provano a sporcare, stuprare per i loro loschi affari. Di identità, radici, futuro del cinema e del mercato cinematografico hanno dibattuto attori impegnati, registi che hanno o avranno un ruolo importante nel cinema, giornalisti, uomini e donne delle istituzioni, produttori coraggiosi che impegnano risorse (materiali e morali) e che hanno a cuore il destino di una industria nazionale in crisi.

Dibattiti cui hanno preso parte in questa e altre edizioni della kermesse attori, registi e perfomer interessanti (mai banali) come Riccardo Scamarcio, Marco Bocci, Edoardo De Angelis, Laura Chiatti, Pierfrancesco Diliberto in arte Pif, Luca Argentero, Edoardo Leo, Valentina Lodovini, Giulia Michelini, Roaul Bova, Miriam Leone, Salvatore Esposito, Marco D’Amore, Cristina Donadio, Serena Rossi, Gianfelice Imparato, Cristiana Capotondi, Michele Placido, Alessio Boni, Paolo Genovese, Matilda Raffa Cuomo, Massimiliano Gallo, Carol Alt, Alessandro Siani, Sabrina Impacciatore, Luca Abete, Valerio Caprara. Molti i fiori all’occhiello della manifestazione di quest’anno. Un Italian Movie Master ovvero un percorso formativo gratuito per 100 studenti che sognano il grande cinema. Un dibattito con il direttore di Sky Arte Hd, Roberto Pisoni, sulla unicità di un canale che si occupa solo di Arte e Bellezza. Sembra strano ma in Italia, il paese della Grande Bellezza, il Bel Paese, non c’era un soggetto televisivo che si occupasse del bello e dell’arte, la mostrasse nelle sue mille sfaccettature, ne diventasse anche un luogo di discussione. Peraltro, è un caso ma è interessante dirlo, Sky Arte Hd cominciò le sue trasmissioni a Napoli.

A Napoli ha organizzato quest’anno il primo Festival di Sky Arte. E alla Campania, Sky Arte ha dedicato la parte più importante della sua produzione su luoghi incantati come gli Scavi di Pompei, la Reggia di Caserta, la Divina Costiera. Altre produzioni sono in cantiere. Per questa attenzione al Sud in un Paese dove l’informazione declina il meridione solo con parole come camorra, rifiuti o corruzione, il direttore Pisoni è stato premiato. Infine, ma non per ultimo, all’Italian Movie Award, anche quest’anno c’era una ricchissima sezione dedicata ai cortometraggi provenienti da ogni angolo del mondo. I temi della identità hanno consentito di visionare “corti” sulle atrocità della guerra civile in Siria, il dramma dei migranti che scappano da fame, carestia, genocidi dell’Africa Subsahariana, i progressi della tecnologia applicati ai social media network che rischiano di diventare una overdose di droga virtuale che ci fa perdere il senso della realtà, ci porta in un mondo apparente ed è capace di farci deragliare, portarci all’autodistruzione, al suicidio collettivo. Il mondo visto attraverso gli occhi puliti dei bambini che appare, e forse è, migliore di come lo conosciamo e lo descriviamo ogni giorno. I diritti naturali di tutti che diventano categorie in un mondo dove l’amore ancora non è un sentimento assoluto ma deve essere categorizzato in nome dell’ignoranza e del pregiudizio quando ad amarsi sono due donne o due uomini. E il terremoto che da anni, lungo la dorsale appenninica italiana, dall’Emilia all’Irpinia, miete vittime e devastazioni ad ogni scossa con le istituzioni che invece di fare prevenzione sembrano sempre inseguire le emergenze e gestire il post catastrofe e carneficine. La giuria dello “Short Social World Competition 2017”, presieduta dall’oncologo Antonio Giordano e dal sottoscritto, assieme ragazzi della Masterclass, hanno decretato Fabrice Bracq, vincitore della categoria “Cortometraggi” con il suo “Le monde du petit monde”, battendo gli altri quattro lavori in nomination, tutti di autori spagnoli. Prossimo anno il tema sarà il futuro. Una parola che in passato era sinonimo di gioia, voglia di scoprire mentre oggi incute paura.

di Paolo Chiariello Caporedattore SkyTG24
Foto di Jacopo Marchini

Tratto da Informare n° 174 Ottobre 2017

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.