A Che Fuori Tempo Che Fa i Marta sui tubi in collegamento da Palazzo Pitti a Firenze dove è in corso, fino all’8 marzo 2015, la grande mostra Luci sul ‘900 Il centenario della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti 1914 – 2014

download

sabato 17 gennaio 2015, ore 20:10 RaiTre

 

Secondo appuntamento, sabato 17 gennaio, con i Marta sui tubi, protagonisti ancora una volta dei live musicali  nei luoghi d’arte d’Italia di Che Fuori Tempo Che Fa, l’appuntamento con Fabio Fazio e Massimo Gramellini, in onda ogni sabato alle 20:10 su RaiTre.

I Marta sui Tubi,  amati dal pubblico per la loro musicalità prorompente, per l’originalità e l’energia che sprigionano durante i concerti, saranno in collegamento da Palazzo Pitti a Firenze dove, fino all’8 marzo 2015, è possibile visitare la grande mostra “Luci sul ‘900 – Il centenario della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti 1914 – 2014”. 

 

A cento anni dalla sua fondazione, la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti ha voluto dedicare una mostra alle collezioni novecentesche possedute dal museo. Infatti, nonostante la Galleria d’arte moderna sia nota soprattutto per essere il museo che vanta la più vasta e importante, storicamente e qualitativamente, collezione di dipinti macchiaioli al mondo, è probabile che non tutti conoscano l’interessante raccolta di opere novecentesche fino ad oggi relegata nei depositi.

L’esposizione tende, quindi, ad attrarre l’attenzione su questo museo nel museo, fino ad ora sommerso per insufficienza di spazi espositivi. Verrà raccontato proprio attraverso questa mostra, grazie al suo taglio storicistico, i tempi e i modi che caratterizzarono le acquisizioni delle opere in Galleria così da evidenziare, attraverso le scelte operate nel corso dei decenni del secolo scorso, i fermenti culturali della Firenze di quel tempo. Ma è più di una mostra, è la prova per un percorso museale di capolavori per lo più inediti del secolo scorso, che si spera possano trovare, a conclusione dell’esposizione, una collocazione stabile nelle ultime sale di facciata della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti.

Nella selezione delle opere esposte sono state scelte quelle dei principali interpreti della cultura figurativa italiana del ‘900: Felice Carena, Felice Casorati, Giorgio De Chirico, Filippo De Pisis, Gino Severini, Giuseppe Capogrossi, Guido Peyron, Ottone Rosai, che si alternano a quelle, prevalenti per quantità, degli esponenti del gruppo del “Novecento toscano” di Baccio Maria Bacci, Giovanni Colacicchi  e degli altri sodali, vicini al clima della rivista Solaria ed al  ritrovo canonico della cultura fiorentina, il caffè delle “Giubbe Rosse”, che resero la città negli anni Venti un fertile centro di incontro dei migliori artisti ed intellettuali italiani.