CASERTA. SUCCESSO DEL CONVEGNO ACLI SUL REFERENDUM COSTITUZIONALE: DA MICHELE ZANNINI ANCHE CARLO MARINO SINDACO DI CASERTA

di ANTONIO DE FALCO

CASERTA. Grande successo del seminario di approfondimento sul Referendum Costituzionale che si e’ tenuto nel pomeriggio del 9 settembre presso l ‘Hotel Europa a partire dalle ore 18.

L’ evento “Referendum Costituzionale: una prova di cittadinanza responsabile ” e’ stato organizzato dalle ACLI provinciale di Caserta e dalla Unitre Caserta . Fra i numerosi   partecipanti il Sindaco di Caserta  Carlo Marino,  il Sindaco di Castel Morrone  Gianfranco Della Valle e l’ ex Sindaco di Castel Volturno  Mario Luise .

Tra i presenti anche Mirella Corvino Consigliere Comunale di Caserta   per Centro Democratico , Gianfranco Tozza Presidente Provinciale di Legambiente e Alessandro Rizziero, gia’ vicesindaco di Mondragone nella giunta Cennami e da molti considerato il candidato Sindaco di Centro Democratico alle amministrative  che si terranno  nel 2017 nella citta’ rivierasca.

Intenso e serrato il dibattito che si e’ aperto con i saluti di Sergio Carozza , di Aida Pavesio  Presidente di Unitre   e  di Antonio De Blasio Presidente delle ACLI  di Caserta. Le conclusioni sono state affidate a Michele Zannini per la Presidenza Provinciale delle ACLI di Caserta.

Relatori del convegno il Prof. Salvatore Curreri , favorevole alla modifica della Costituzione , e il Prof. Massimo Villone ,contrario alla modifica. Entrambi i relatori si sono confrontati sui seguenti argomenti oggetto del Referendum Costituzionale : nuovo Senato e superamento del Bicameralismo perfetto, nuovo procedimento legislativo e relativi tempi , riforma del titolo V della Costituzione , soppressione CNEL e vaglio costituzionale preventivo, istituto di democrazia diretta , cioe’  referendum e proposte di in iniziativa popolare.

” Il Referendum Costituzionale – ha affermato Michele Zannini – e’ sempre un evento di portata radicale nella vita del paese che incide anche sulla qualita’ della vita democratica della nostra comunita’. La nostra preoccupazione e’ quella che i cittadini  acquisiscano  prima del voto , una informazione e persino qualche competenza , le piu’ complete possibili, perché al momento del voto si possa compiere una scelta responsabile e motivata”.

“Le ACLI –  ha concluso Zannini- intendono svolgere , in questa prospettiva un lavoro di supplenza e di pedagogia sociale. La Costituzione non puo’ esssere l ‘ atto di forza ne ‘ di un governo, ne’ di un partito , né di una fazione politica , mentre deve avere la forza che le puo’ derivare dalla capacita’ di unire il popolo italiano costituendolo in comunita’ politica , secondo la linea indicata dalla Assemblea Costituente del 1947”.