Rubrica di poesia: “L’Ammore”

La terzo poesia di questa splendida raccolta, è un suggestivo monologo in napoletano di Dio che, rivolgendosi all’uomo, spiega cos’è l’ammore  e dove trovarlo !

L’ Ammore
Na sera ‘nParaviso ricette Ddjo
ce vo’na cosa bella pe’ tene’ l’omm’ cumpagnia.
Fuje accussi che ‘nventaje a femmena.
L’omm’ subito s’annamuraje,
magicamente se scurdaje tutt’ ‘e guaje,
senteve na cosa ‘mpiett a iss’ ca batteva forte
era ‘o core, ma nun se n’era accorto.

Allora pruvaje a chiedere spiegazione a Ddjo
Ca, cu’ na voce doce,
le rispunnette accussì
chill’ ca te sbatte ‘mpiett è ‘o core
Nun ave’ paura
Fa accussì pecchè ha cunusciuto l’ammore
‘E me te ‘e fidà.. puoi stà sicur’

L’ omm’ nun ce crereva ancora ca ‘ncopp a stu munn’
ce puteva esser’ na cosa accussì bella comm’  l’ ammore.
Se pensava ca era tutt’ nu suonn’
ca massimo durava mezz’ora.

“Chell’ ca ve voglio fa capì – ricette Ddjo – è ca ‘ncopp a stu munn’
 nun se po sempre suffrì

E mo te spiego buono che r’ è l’ ammore:
L’ ammore so’ tutt’ ‘e cose belle,

‘E ‘nnammurate che dint’ a vita guardano semp’ ‘nciel’

comm faje a nun t’ annamurà dâ luna, dô sole, dê stelle

E’ ammore quann’ ‘o sole s’arriposa ‘ncopp ‘o mare

Pure si è salato, ‘o sole se posa ‘o stesso

Ogni tanto se ne va ma po’ ritorna.. mica è fesso

E’ ammore quann’ daje ‘o core a n’altro, pe’ senza niente

E’ ammore quann’ ‘a notte è stellata, e t’accarezza ‘o viento

E’ ammore quann’ nun ce ‘a faje a sta senza

E’ ammore quann’ ancora ‘a piens’.

O’munn’ je l’ aggio ‘nventato co’ ‘o core

Pecchè crerevo a sti parole ca t’agg’ cuntat’

pecche’ je ce crer’ all’ammore,

è l’omm ca nun se n’è mai ‘mpurtato

comm’ saje ‘o cielo s’avota pur malamente

Te voglio dì ca accussì è pur l’ammore

Ogni tanto pur iss s’ allamenta

Ma tu nun t’abbattere,  ‘o sol addà ascì

è tiemp e nu mument

Tu crirece semp’

pcche’chi nun crer all’ammor e nu pezzent’

ricco nun è chi ten ‘e sord’

ma chi ten ‘o sentiment’ “

di Alessandro Piscopo

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno. Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II. Entra nell'associazione "Officina Volturno" nell'agosto 2013. Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, "Leggi che ti passa". "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"