La baby pianista Giulia Falzarano, appena 10 anni, si esibirà domani, sabato 6 febbraio a Verona

Giulia SteinwayLa baby pianista airolana si esibirà a Verona In palio il Festival Internazionale di Amburgo

Giulia Falzarano

domani in concorso allo Steinway

Riceviamo e con piacere pubblichiamo la nota gentilmente ricevuta che parlòa di un eccellenza dei nostri territori, a cui siamo vicini con un grande in bocca al lupo.
Anna Lo Cascio 

 

 

Un altro passo verso il pianismo nazionale. La baby pianista airolana Giulia Falzarano, appena 10 anni, si esibirà domani, sabato 6 febbraio, presso la Sala Bouvette del Palazzo della Gran Guardia a Verona, per il prestigioso Concorso Steinway per giovani talenti. Giulia, allieva dell’Accademia “Mille e una nota” di Airola, si misurerà con altri talenti in erba under 16 provenienti da tutta Italia, suonando di Johann Sebastian Bach “Preludio e Fuga n. 2 in Do Minore”. In palio per il vincitore assoluto c’è la partecipazione al Festival Internazionale Steinway “Young Talents in Concert”, in programma dal 9 al 12 settembre 2016 ad Amburgo.

La giuria del Concorso è composta da concertisti, docenti, musicologi e critici musicali di primario rilievo internazionale. Il presidente della Commissione,  Benedetto Lupo, ospite delle più prestigiose istituzioni internazionali (tra cui il Lincoln Center a New York e la Philharmonie a Berlino), ha suonato con la Chicago Symphony, Philadelphia Orchestra, Montreal Symphony, London Philharmonic, Deutsches Symphonie-Orchester di Berlino, Orquesta Nacional de España e, in Italia, per le istituzioni più prestigiose, come il Teatro alla Scala di Milano, l’Accademia di S. Cecilia, l’Orchestra Nazionale della RAI e l’Orchestra “Verdi” di Milano, il San Carlo di Napoli, la Fenice di Venezia, il Carlo Felice di Genova, il Regio di Torino, il Verdi di Trieste e il Massimo di Palermo. Tra i direttori con cui ha collaborato più spesso vi sono Yves Abel, Umberto Benedetti Michelangeli, Fabio Biondi, Aldo Ceccato, Vladimir Jurowski, Nicholas McGegan, Juanjo Mena, Daniel Oren, Michel Plasson, Alexander Vedernikov, Antoni Wit. Nel 2005 la sua nuova incisione del Concerto Soirée di Nino Rotaper Harmonia Mundi ha ottenuto ben cinque premi internazionali.Considerato dalla critica internazionale come uno dei talenti più interessanti e completi della sua generazione, Benedetto Lupo è nato a Bari, dove ha debuttato a tredici anni con il Concerto n.1 di Beethoven al Teatro Petruzzelli, imponendosi subito in numerosi concorsi internazionali. Nel 1992 ha vinto a Londra il Premio Terence Judd.  Dal 2015 è docente di Pianoforte e accademico effettivo dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.

A completare la giuria saranno la professoressa Elena Biggi Parodi, docente di Storia della musica presso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma e musicologa di fama mondiale per gli studi su Francesco Pollini; il pianista Federico Gianello, pluripremiato in concorsi internazionali (tra cui J. Brahms di Klagenfurt, E. Grieg di Oslo, S. Stancic di Zagabria), concertista in oltre venti Paesi e presidente della prima Steinway Society europea; il pianista Andrea Lucchesini, direttore artistico della Scuola di Musica di Fiesole, giurato in concorsi internazionali europei, americani e asiatici, unico musicista italiano ad essersi aggiudicato il Premio Internazionale Accademia Chigiana; il pianista Gianluca Luisi, acclamato dalla critica come uno dei massimi interpreti mondiali di Bach, grazie anche al primo premio del Concorso Internazionale J. S. Bach di Saarbruecken-Wuertzburg, e concertista nelle più prestigiose sale di ogni continente (tra cui Carnegie Hall, il Musikverein di Vienna, la Toyota Concert Hall in Giappone, Concert Hall di Nagoya).

Per approdare alla finale di Verona la piccola musicista caudina ha superato le preselezioni svoltesi nel capoluogo partenopeo, in occasione di Piano City Napoli 2015 lo scorso 9 ottobre. In quell’occasione la giuria presieduta dal M° Orazio Maione e composta da Antonella Calvelli e Mario Coppola, assegnò a Giulia il primo posto assoluto della cat. B (riservata a pianisti dagli 8 ai 10 anni), precedendo sul podio Gabriella Petrizzo (secondo posto) e Luca Cirillo e Luca Piscitelli (terzi ex aequo).

La piccola musicista sannita è seguita, oltre che dalla madre, il M° Anna Izzo, docente di Pianoforte e direttore artistico dell’Accademia “Mille e una nota”, anche dal M° Francesco Nicolosi, direttore artistico del Teatro Massimo Bellini di Catania, concertista internazionale  (si è esibito, tra le altre sale, alla Queen Elizabeth Hall, alla Wigmore Hall di Londra, alla Victoria Hall di Ginevra, al Teatro alla Scala e all’Accademia di Santa Cecilia di Roma), pluripremiato in diversi Concorsi in tutte e cinque i continenti, con una imponente discografia recensita entusiasticamente dalla critica. Per Giulia Falzarano si tratta di un altro tassello in una carriera che, ancorché breve, è già puntellata di prestigiose affermazioni. Nel 2011, a soli cinque anni, conquista il primo premio al Festival “I Colori dell’Arte” a Sannicandro di Bari. A questo successo seguono il primo premio al 17° Concorso Nazionale “Campi Flegrei” (2012),  al IX Concorso Internazionale Giovani Musicisti “Luigi Denza” (2014) e al XIII Concorso Nazionale “Città di Viterbo” (2015) e, soprattutto, il primo premio assoluto al IV e V Concorso Nazionale di Esecuzione Musicale “Città di Airola” (2011 e 2012), al Concorso Pianistico Internazionale “Vietri sul Mare – Premio Paola Galdi” (2013), all’VIII Concorso Internazionale Giovani Musicisti “Luigi Denza” (2013), all’Euroclassic International Music Competition (2014) e al Concorso “Città di Morcone” (2014).  Inoltre Giulia si è perfezionata con una masterclass con il M° Vincenzo Balzani nel dicembre 2013, e con un Master di Alto Perfezionamento Pianistico “Città di Roccaraso”, con il M° Francesco Nicolosi nel luglio 2015. Giulia ha partecipato a due edizioni di Napoli Piano City (dicembre 2014 e ottobre 2015) e si è esibita in un concerto per i Salotti Thalberg – IV edizione presso Palazzo Ischitella a Napoli e in vari concerti per diverse associazioni in Campania.

La partecipazione di Giulia Falzarano alla prestigiosa rassegna europea rappresenta una vetrina di eccezionale rilevanza per la pianista caudina e un motivo d’orgoglio per Airola, la Valle Caudina e l’intero Sannio che sicuramente sosterranno la piccola pianista con grande partecipazione.

 

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.