È PASSATA ‘A NUTTATA – Napoli, impeccabile anche con le seconde linee

In una notte in cui lo spettacolo del calcio viene inibito da uno stadio vuoto per mezzo di misure di sicurezza necessarir per i noti motivi di ordine pubblico, legati al terrorismo e alla paura di altri attentati dopo quello risalente a venerdì 13 a Parigi, il Napoli espugna Bruxelles e consolida la propria superiorità nel girone D dell’Europa League. Quella di Chiriches, sugli sviluppi di un corner battuto da Valdifiori, è stata la diciassettesima rete in 5 partite, la settima gara consecutiva in con la porta inviolata, l’undicesima volta in stagione. Nessuno come questo Napoli temerario, che tutte ai sedicesimi di finale vorrebbero evitare.

La scelta comprensibile di Sarri di far scendere in campo prevalentemente gli uomini con meno minutaggio nelle gambe non interdice la qualità del gioco espressa e la mentalità vincente della squadra.

Il Brugge ci ha provato più volte ad impensierire il Napoli, prima con i vari Iziquierdo, Gedoz e Vossen ma sparando praticamente a salve, collezionando, infatti, 6 tiri di cui nessuno in porta. Pochi pensieri insomma per Gabriel, il quale, nonostante sia in prestito dal Milan, si conferma vice Reina.

Da sottolineare le prestazioni di Strinic e Chalobah che, con il doveroso rispetto, somiglia molto a Pogba per movenze e velocità di pensiero.

Il cammino in EL è ancora lungo ma lo stato psico fisico del gruppo lascia ben sperare che la squadra possa arrivare molto lontano…

La testa degli Azzurri è già e solo a lunedì sera quando al San Paolo sarà ospite l’Inter, capolista momentanea del campionato. L’imperdibile scontro diretto dirà molto sul prosieguo di stagione di entrambe le compagini.

About Fabio Corsaro

Ho 22 anni e da quasi 3 primavere sono giornalista pubblicista. Dirigo la splendida redazione di Informare, di cui faccio parte dai miei teneri 16 anni. Sono laureato presso l’Università di Salerno in Scienze della Comunicazione e, in virtù della specialistica, mi appresto a fare esperienze internazionali (non ricordatelo a mia mamma). Per il resto avanti con un detto che non muore mai... Per aspera ad astra!