Lunedì 3 marzo il Congresso Provinciale della Funzione Pubblica CGIL di Caserta.

CGIL      Sarà il Belvedere di San Leucio ad ospitare lunedì 3 marzo a partire dalle 9 il Congresso Provinciale della Funzione Pubblica CGIL di Caserta.  Il congresso di categoria è una tappa importante verso l’analogo appuntamento Confederale Nazionale che si terrà a Rimini il prossimo maggio.

      “Nel congresso – spiega il segretario Fp Cgil di Caserta Umberto Pugliese – la Funzione Pubblica  rilancerà la sua idea di riforma delle pubbliche amministrazioni; rivendicherà il rinnovo dei contratti per i lavoratori pubblici ormai bloccati da anni; riaffermerà la necessità di riattivare la contrattazione nel pubblico impiego, attraverso il superamento delle anacronistiche e penalizzanti   norme introdotte dalla legge Brunetta; porrà l’esigenza dell’apertura di confronti in tutti i luoghi di lavoro per modificare l’organizzazione del lavoro al fine di migliorare la qualità dei servizi da rendere ai cittadini e nel contempo valorizzare la professionalità degli operatori attraverso l’individuazione di obiettivi sistemi premianti”.

I lavori si apriranno con l’elezione della presidenza e delle commissioni, la proiezione del video “La Voce del Lavoro” e la relazione del segretario Pugliese. Quindi, l’intervento di Camilla Bernabei segretario generale della Cgil Caserta. Nel pomeriggio, poi, dopo il dibattito, le conclusioni che saranno affidate ad Antonio Crispi segretario generale Cgil Campania.

 

L’Ufficio Stampa 

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.