Templates by BIGtheme NET

La giunta del Sindaco Doria si conforma a quella del Sindaco Vincenzi contro le Forze dell’Ordine . Pronti alla mobilitazione di fronte a Palazzo Tursi.

Print Friendly

 “Siamo al paradosso! Dopo le infine critiche mosse dall’ormai ex sindaco di Genova, sempre pronto ad attaccare le forze dell’ordine, dal 2001 allo scorso maggio 2012, periodo in cui non ha mai espresso pareri di vicinanza al servizio apportato dagli operatori di polizia, apprendiamo che la lista che rappresenta in giunta il sindaco entrante Doria, prosegue sulla stessa strada” Inizia così l’intervento di Matteo Bianchi, Segretario Generale Provinciale in merito all’idea partita da alcuni componenti dell’attuale consiglio Comunale della lista Doria nel richiedere le scuse formali dello Stato italiano alle vittime del G8 del 2001. Prosegue Bianchi:”Crediamo fortemente che le scuse prima di tutto ai cittadini, che attualmente vengono rappresentati dal Sindaco Doria, le debbano chiedere quei criminali che hanno devastato e saccheggiato la città di Genova , come sentenziato, solo per una piccola parte, anche dalla competente Magistratura.Prosegue Bianchi:” Siamo veramente stanchi del quotidiano capovolgimento della realtà del G8 genovese, in favore di quei criminali che senza alcuna remora hanno distrutto dei beni pubblici, facendo vivere nel terrore la città intera. Se il Sindaco tiene veramente ai suoi elettori dovrebbe prendere posizione nei vari tribunali affinché quei vigliacchi mascherati, che hanno letteralmente assaltato la città di Genova, arrecando degli evidenti danni materiali, come riconosciuto anche dalla Magistratura, siano obbligati a risarcire la popolazione dai danni commessi ai beni di loro proprietà e non scagliarsi contro le istituzioni , che stanno già pagando non essendo latitanti, come alcuni manifestanti . Conclude Bianchi:”Se il buongiorno si vede dal mattino e se la linea nei confronti delle Forze dell’Ordine a livello comunale continuerà su questa strada, ossia astio e pregiudizi di parte, inizieremo una protesta democratica e ciclica sotto la sede del Comune di Genova.”

Fabio Corsaro

Sono nato e cresciuto professionalmente tra le mura di questa redazione che ha avuto sin da subito l'odore di casa. Ho cominciato a 16 anni a dare adito alla passione per la scrittura e voce alla scrupolosa sete di conoscenza e curiosità attraverso il fascino della carta stampata. Oggi ho 20 anni, sono un laureando alla Facoltà di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Salerno, da oltre un anno giornalista pubblicista e da qualche mese direttore di Informare: credo che le passioni che ci portiamo dentro debbano essere coltivate fino in fondo, dando loro la forma del sacrificio e della concretezza. Inoltre, credo che tutto, compreso gli uomini, possa essere soggetto a pratiche di miglioramento: ad maiora semper!

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.