Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al nostro mensile, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Officina Volturno

Officina Volturno

Il magistrato Raffaele Cantone all’ex Libris. Incontro-dibattito su ‘Operazione Penelope’

Venerdì 18 maggio alle ore 18.30 a Palazzo Lanza a Capua

 

C’è attesa all’ex Libris di Capua per la presentazione del nuovo libro del magistrato Raffaele Cantone ‘Operazione Penelope’. Al centro del dibattito, in programma venerdì 18 maggio a partire dalle ore 18.30, un’analisi approfondita della lotta contro le mafie e il malaffare in provincia di Caserta e non solo. Un argomento che Cantone conosce come pochi altri. Raffaele Cantone è famoso infatti per le sue indagini sul clan dei Casalesi che hanno portato alla condanna all’ergastolo dei più importanti capi di quel gruppo fra cui Francesco Schiavone, detto Sandokan, Francesco Bidognetti, detto Cicciotto ‘e Mezzanott, Walter Schiavone, detto Walterino, Augusto La Torre, Mario Esposito e numerosi altri.  Il nuovo lavoro del giudice-scrittore si muove come una luce, che guida il lettore alla riflessione. Amaramente ironico il titolo, un chiaro riferimento ad una “lotta che rischia di non finire mai”, se le parole spese nelle sedi istituzionali più alte – come la tela di Penelope – vengono sgretolate nottetempo, per poi riapparire sotto forma di promesse sempre nuove, l’indomani.

IL LIBRO

Convitato di pietra, cancro, “fattore C”: la criminalità organizzata è stata definita in tanti modi diversi. Raffaele Cantone, per otto anni alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, la conosce come pochi. Un mondo complesso che affonda le sue radici nella realtà del Sud, ma non solo. E che da tempo, ormai, è uscita ben al di fuori dei confini della delinquenza tradizionale, diventando ora un occulto quanto determinante socio in affari, ora un candidato “impresentabile” alle elezioni, ora un alibi dietro cui nascondere l’inefficienza delle amministrazioni pubbliche nel gestire grandi emergenze, prima fra tutte quella dei rifiuti campani. Proprio partendo dalle tante riflessioni sui mille volti della camorra, emerse non solo nel corso del suo lavoro di magistrato ma anche intervenendo a incontri pubblici e sulla carta stampata, Cantone affila come un bisturi il suo sguardo per tracciare un lucido spaccato dei mali della società italiana, oggi più che mai dilaniata fra l’anticultura del malaffare e la volontà di voltare finalmente pagina, in nome del rispetto delle regole. E nutre una speranza: unire alla forza delle azioni il potere delle parole, per condividere una battaglia che è di tutti gli italiani, quella contro l’illegalità diffusa che può corrodere le basi democratiche ed economiche dell’intero paese. Da uomo di legge e attento osservatore, ricostruisce così le complesse trame fra la nuova borghesia camorrista dei colletti bianchi e gli amministratori pubblici, i politici…
L’AUTORE

Raffaele Cantone è nato a Napoli nel 1963, cresce a Giugliano nell’entroterra a nord di Napoli. E’ entrato in magistratura nel 1991. E’ stato sostituto procuratore presso il tribunale di Napoli fino al 1999, anno in cui è entrato nella Direzione distrettuale antimafia napoletana di cui ha fatto parte fino al 2007. Si è occupato delle indagini sul clan camorristico dei Casalesi, riferite anche nel noto best seller di Roberto Saviano Gomorra, riuscendo ad ottenere la condanna all’ergastolo dei più importanti capi di quel gruppo fra cui Francesco Schiavone, detto Sandokan, Francesco Bidognetti, detto Cicciotto ‘e Mezzanott, Walter Schiavone, detto Walterino, Augusto La Torre, Mario Esposito e numerosi altri. Si è occupato anche delle indagini sulle infiltrazioni dei clan casertani all’estero; in particolare in Scozia, dove è stata individuata una vera e propria filiale del clan La Torre di Mondragone dedita al reinvestimento in attività imprenditoriali e commerciali di proventi illeciti, in Germania, Romania ed Ungheria dove esponenti del clan Schiavone durante la latitanza si erano stabiliti ed avevano acquistato beni immobili ed imprese. Ha curato il filone di indagini che hanno riguardato gli investimenti del gruppo Zagaria in Parma e Milano facendo condannare per associazione camorristica un importante immobiliarista di Parma. Vive tutelato dal 1999 e sottoposto a scorta dal 2003 in quanto gli investigatori scoprirono un progetto di un attentato ai suoi danni organizzato dal clan dei Casalesi. Oggi lavora presso l’Ufficio del Massimario della Suprema Corte di Cassazione.

Leggi Informare

Categorie

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.