Templates by BIGtheme NET

Vesuvio: terra di tutti, terra di nessuno

Print Friendly

 Oggi (e domani) ricorre la XX Giornata di Primavera del Fondo Ambiente Italiano. Io, però, sono andato a visitare un luogo non compreso tra quelli scelti dal FAI: il Parco Nazionale del Vesuvio.

Ogni volta ci ricasco. Il Vesuvio è vicino, lo posso raggiungere in pochi minuti. Il Vesuvio è distante, quanto di più distante ci possa essere da un’idea di parco. Dal 1995 è Parco Nazionale, da secoli quell’immensa tetta attrae viaggiatori e ispira artisti di tutto il mondo. Nell’immaginario collettivo è l’anima stessa di Napoli, il suo nume tutelare e il pericolo che incombe. Sovrasta le curve sublimi del paesaggio che con la sua furia ha modellato. Imbalsamatore di antiche vestigia e capriccioso dio pagano che rende incerto il nostro futuro. La vita che brulica ai suoi piedi conferma il fatalismo di noi Partenopei. Ma il Vesuvio è anche un deprimente monumento alla nostra inciviltà: baracche fatiscenti, edifici diroccati, resti “fossili” di tentati abusi, segnali divelti, indicazioni scrostate e poi immondizia, immondizia dappertutto. Bicchieri, bottiglie, piatti di plastica, cartacce e fazzoletti, scarti edilizi e buste di plastica ovunque. Plastica, plastica e ancora plastica. Gli arbusti e i rovi ai lati della strada hanno per fogliame brandelli di plastica. È come se qualcuno abbia voluto lasciare una traccia del suo passaggio: una scia che, come la bava di una lumaca, si può osservare lungo tutto il tragitto, su, fino al cratere.

Però non credo che la questione riguardi solo noi, penso che rappresenti una sconfitta per tutti. I cartelli che si succedono lo testimoniano in maniera eloquente: Parco Nazionale del Vesuvio (Nazionale!), Riserva Mondiale di Biosfera del MAB UNESCO (l’Unesco!), Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio (per l’appunto!), Direzione Generale per la Conservazione della Natura (con la “N” maiuscola, ci dovessimo sbagliare!),Ministero delle risorse agroalimentari e forestaliGestione Foreste Demaniali (il Demanio!), Riserva forestale di protezione Tirone – Alto Vesuvio (alla faccia!), Centro di Educazione e Salvaguardia Ambientale Vesuvio e Centro di servizio per il volontariato (Legambiente, meno male).

Se il risultato di tanto “impegno” è quello che è sotto gli occhi di tutti, sarebbe il caso di conoscere quanti soldi siano stati spesi dal 1995 ad oggi e nelle tasche di chi siano finiti. E sarebbe pure il caso di individuare le Autorevoli Responsabilità di tale sfacelo.

 

Napoli, 24 marzo 2012

Gaspare Bisceglia

Fabio Corsaro

Sono nato e cresciuto professionalmente tra le mura di questa redazione che ha avuto sin da subito l'odore di casa. Ho cominciato a 16 anni a dare adito alla passione per la scrittura e voce alla scrupolosa sete di conoscenza e curiosità attraverso il fascino della carta stampata. Oggi ho 20 anni, sono un laureando alla Facoltà di Scienze della Comunicazione presso l'Università di Salerno, da oltre un anno giornalista pubblicista e da qualche mese direttore di Informare: credo che le passioni che ci portiamo dentro debbano essere coltivate fino in fondo, dando loro la forma del sacrificio e della concretezza. Inoltre, credo che tutto, compreso gli uomini, possa essere soggetto a pratiche di miglioramento: ad maiora semper!

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.