Templates by BIGtheme NET

Ecco le prove delle menzogne diffuse dal sindaco di Castel Volturno Antonio Scalzonel

Print Friendly

denuncia carabinieri

CecoroCommissione d’accesso

 

 

 

 

 

Ho avuto bisogno di un pochino di tempo per trovare le prove documentali con cui,da sempre,  rispondo alle menzogne infamanti che su indicazione del sindaco Antonio Scalzone vengono diffuse, nonostante usi la firma di TUTTA l’amministrazione e di TUTTO il PDL locale.

Questi documenti dimostrano in modo incontrovertibile che i faldoni “spariti” dal mio ufficio e poi ritrovati mancanti di documenti,come asserito nella lettera inviata al Presidente della Repubblica e sul Manifesto E’ FALSO.

Perchè questo sviare l’attenzione da fatti concreti? Si vada a verificare chi “dirigente” su input politico diede le autorizzazioni  nel 2003 per consentire l’escavazione di sabbia?

Tutta questa strategia articolata per seminare fango contro coloro che hanno l’unico torto di denunciare apertamente e firmandosi personalmente ciò che si ritiene illegale e su cui ci sono ampie indagini, crea seri sospetti e l’intimidazione è chiarissima. Di tutto ciò ne daremo ampia e documentata prova alle autorità competenti.

 

Tommaso Morlando


 

 

 

 

 

Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno sociale sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Il periodico Informare e l'associazione continuano ad aggregare giovani e a formarli come giornalisti diventando una vera fucina di buona informazione. Non usufruiamo di nessun tipo di finanziamento ne pubblico ne privato. Il giornale è distribuito in modo gratuito tra Napoli,Caserta e le loro province. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori. Abbiamo una storia ancora da scrivere, ma la faranno i nostri giovani.

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.