1° Maggio, Spera (Ugl): “il Governo si confronti su politiche di rilancio industriale”.

imagesAntonio SPERA, Segretario Generale UGL Metalmeccanici.

Segreteria Nazionale UGL Metalmeccanici

Ufficio Stampa

Sito: www.uglmetalmeccanici.it

e-mail: uglmetalmeccanici63@gmail.com

Facebook: Ugl Nazionale Metalmeccanici

Twitter: @UglMetalm

Via Principe Amedeo, 23 – 00185 – Roma

Tel. 064741808 – Fax. 064881236

 

Comunicato stampa.

 

1° Maggio, Spera (Ugl): “il Governo si confronti su politiche di rilancio industriale”.

 

“Si stà assistendo al progressivo declino di settori che sono stati la spina dorsale del nostro Paese, l’Ugl ha scelto di manifestare a Bagnoli per ribadire no ad un governo sordo e incapace a programmare una politica industriale che sta costando disoccupazione e totale desertificazione del Mezzogiorno e dell’intero Paese”.

Lo ha gridato forte e chiaro il segretario generale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera ad una platea di circa 10.000 persone alla manifestazione nazionale sul Primo Maggio a Napoli.

“Dalla Città della Scienza e dell’ex Italsider, sosteniamo che  il lavoro non c’è a causa della crisi, ma allo stesso tempo il governo non sta facendo nulla per crearlo, lo ha ‘semplicemente’ destrutturato. E l’Ugl – ha tuonato Spera – gradirebbe sapere da Renzi come intende affrontare le troppe vicende critiche a cui si deve far fronte nel comparto metalmeccanico: basti ricordare Avio Interiors e Ansaldo Breda, Termini Imerese e Irisbus, ma anche Ixfin, Ericsson, Jabil  e nuova Sinter, Ast e Ilva. E’ evidente il blocco totale di iniziative per agganciare la ripresa: non c’è politica industriale, non solo nel Sud  ma in tutta Italia. Dal territorio industriale più esteso d’Europa tra Nola e Marcianise, si alza forte la richiesta al Governo su politiche di rilancio industriale. L’Ugl – ha concluso il S.G. Spera – è decisa ad avviare un confronto senza pregiudiziali per un piano Nazionale industriale serio non volendo più assiste sempre ed ancora all’inerzia di chi fà poco o nulla per impedire anche la fuga dei gruppi industriali dall’Italia”.

 

Roma, 02 maggio 2015.

Ufficio Stampa e comunicazione

Segreteria Nazionale UGL Metalmeccanici

Da Pubblicare Cortesemente

Grazie