“Da mezzogiorno alle tre del pomeriggio, si fece buio su tutta la terra”.

Oggi, 20 aprile, ricordiamo la morte di don Tonino Bello e, nell’approssimarsi del giorno di Pasqua, vogliamo essergli vicini nella preghiera e nella speranza di una Resurrezione.

Con Tonino nel cuore, con la Pace dinanzi agli occhi, vi auguriamo una Buona Pasqua.

la redazione

C’è una frase immensa, che riassume la tragedia del creato alla morte di Cristo:

 

“Da mezzogiorno alle tre del pomeriggio, si fece buio su tutta la terra”.

 

Forse è la frase più scura di tutta la Bibbia.

 

Per me è una delle più luminose. Proprio per quelle riduzioni di orario che stringono, come due paletti invali cabili, il tempo in cui è concesso al buio di infierire sulla terra.

 

Ecco le sponde che delimitano il fiume del le lacrime umane. Ecco le saracinesche che compri mono in spazi circoscritti tutti i rantoli della terra. Ecco le barriere entro cui si consumano tutte le agonie dei figli dell’uomo”.

 

“Collocazione provvisoria”. Penso che non ci sia formula migliore per definire la croce.

 

La mia, la tua croce, non solo quella di Cristo.

 

Coraggio, allora: la tua croce, anche se durasse tutta la vita, è sempre “collocazione provvisoria”.

 

Il Calvario, dove essa è piantata, non è zona residenziale.

 

E il terreno di questa collina, dove si consuma la tua sofferenza, non si venderà mai come suolo edificatorio.

 

Coraggio, comunque!

 

Noi credenti, nonostante tutto, possiamo contare sulla Pasqua.

 

E sulla Domenica, che è l’edizione settimanale della Pasqua. Essa è il giorno dei macigni che rotolano via dall’imboccatura dei sepolcri.

 

È l’intreccio di annunci di liberazione, portati da donne ansimanti dopo lunghe corse sull’erba. E’ l’incontro di compagni trafelati sulla strada polverosa.

 

È il tripudio di una notizia che si temeva non potesse giungere più e che invece corre di bocca in bocca ricreando rapporti nuovi tra vecchi amici. E’ la gioia delle apparizioni del Risorto che scatena abbracci nel cenacolo.

 

È la festa degli ex delusi della vita, nel cui cuore all’improvviso dilaga la speranza.

 

Riconciliamoci con la gioia.

 

La Pasqua sconfigga il nostro peccato, frantumi le nostre paure e ci faccia vedere le tristezze, le malattie, i soprusi, e perfino la morte, dal versante giusto: quello del “terzo giorno”.

 

Da lì le sofferenze del mondo non saranno più i rantoli dell’agonia, ma i travagli del parto.

 

E le stigmate lasciate dai chiodi nelle nostre mani saranno le feritoie attraverso le quali scorgeremo fin d’ora le luci di un mondo nuovo”.

 

Don Tonino Bello

 

 

 

 

________________________________________

Mosaico di pace

Via Petronelli n.6

76011 Bisceglie (BT)

tel. 080-395.35.07

fax 080-395.34.50

www.mosaicodipace.it

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.